Tre modi in cui la quarta rivoluzione industriale sta plasmando la geopolitica

di Peter Engelke – La trasformazione tecnologica che si svolge oggi – un periodo di cambiamento esponenziale etichettato come la quarta rivoluzione industriale – non è isolata dagli affari geopolitici. In effetti, la concorrenza geopolitica, in particolare tra le potenze mondiali, è un importante motore di sconvolgimento tecnologico; a sua volta, questo sconvolgimento sta influenzando il panorama geopolitico.

La tecnologia è stata a lungo un ingrediente nel modo in cui gli stati ottengono, usano o perdono potere. Ma oggi, tre elementi interconnessi – innovazione, talento e capacità di recupero (resilienza) – determinano in modo crescente se gli Stati sono ben posizionati per far avanzare la propria sicurezza e il proprio benessere.

1. L’innovazione è (ancora) potere

Gli Stati comprendono che la leadership nell’innovazione tecnologica si traduce in potenza economica e militare e, quindi, in potere geopolitico. Come tale, la competizione globale per la leadership del settore tecnologico è intensa, non solo per i chiari benefici economici ma anche per il potenziale beneficio di sicurezza che può portare. La feroce concorrenza spinge gli stati a investire nell’innovazione e continua a svolgere un ruolo fondamentale nella produzione e nella scalabilità di tecnologie innovative.

I timori di essere lasciati indietro sul “campo di battaglia” sono una delle ragioni principali per cui le grandi potenze mondiali spendono pesantemente sulle tecnologie emergenti. Sperano che così facendo forniranno sicurezza e potere in un mondo insicuro. Per decenni dopo la seconda guerra mondiale, ad esempio, il governo degli Stati Uniti ha speso miliardi di dollari sul suo apparato di ricerca tecnico-scientifica (con Silicon Valley un chiaro beneficiario), in gran parte per paura che non farlo avrebbe fatto perdere la Guerra Fredda. Questo apparato, che combinava la ricerca scientifica e la disinvoltura imprenditoriale, permise agli Stati Uniti un vantaggio per la prima mossa durante la Guerra Fredda e successivamente.

Lo sviluppo tecnologico ha svolto un ruolo evidente nella guerra. La pistola Maxim, il rifled cannon l’aereo, il gas velenoso, il napalm e le armi nucleari sono solo una piccola parte della moltitudine di invenzioni moderne sui campi di battaglia. Guardando al futuro, le invenzioni derivanti dai progressi delle nanotecnologie, delle biotecnologie, dell’intelligenza artificiale e di altri settori faranno passare la guerra dalla logistica all’armamento.  Come i loro predecessori, la più importante di queste invenzioni darà ai primi movers un vantaggio geopolitico (temporaneo).

2. Il talento è potere

Come documentato ogni anno da organizzazioni come la World Intellectual Property Organization (WIPO) e l’Atlantic Council, la maggior parte delle tecnologie nuove e dirompenti sono prodotte in un numero relativamente piccolo di paesi.

Sebbene non esista un modello unico per un ambiente tecnologico di successo, tutti gli esempi hanno una combinazione di investimenti pubblici nella ricerca e sviluppo scientifico (R & S), sistemi educativi di alta qualità, accesso relativamente facile agli investimenti e al capitale di rischio, una forte cultura di avvio, e la protezione della proprietà intellettuale.

La ricerca scientifica di alta qualità non è affatto limitata agli Stati Uniti; tutti i leader dell’innovazione investono una quota sostanziale del loro PIL in R & S. Israele e la Corea del Sud sono attualmente i leader del mondo, con un investimento di oltre il 4% all’anno.

Quasi tutti i più importanti contendenti per la leadership stanno migliorando i loro sistemi nel mondo tecnologico universitario, una forza di vecchia data del sistema americano. Molti, se non la maggior parte, stanno escogitando modi creativi per creare e importare persone di talento dall’estero. Start-up Cile , creato nel 2010, è un acceleratore pubblico che offre agli imprenditori di tutto il mondo un visto di lavoro di un anno, un finanziamento iniziale, formazione, tutoraggio e altro ancora. Da allora questo modello è stato copiato da molti altri paesi.

Gli Stati Uniti rimangono il leader mondiale nell’innovazione tecnologica, ma altri paesi stanno guadagnando rapidamente terreno. In un rapporto pubblicato l’anno scorso, si è sostenuto che la qualità dell’infrastruttura americana, per esempio, è diminuita considerevolmente agli standard del 21 ° secolo.

Anche altri investimenti pubblici sono diminuiti; in modo più critico, i finanziamenti per l’istruzione superiore e la ricerca e lo sviluppo pubblici. Va da sé che l’attuale clima politico negli Stati Uniti che circonda l’immigrazione è un anatema per l’obiettivo di attrarre e mantenere i migliori talenti globali.

3. La resilienza è potere

I sistemi innovativi creano tecnologie che aumentano la produttività e che, almeno a lungo termine, vanno a vantaggio della società. Tuttavia, molte persone sono escluse, perché vivono in regioni che non hanno tecnologia e/o perché non hanno i mezzi per partecipare. Ignorare questa realtà non creerà né un’economia solida né una società sana.

Alcune società si trovano in una posizione migliore rispetto ad altre per trarre vantaggio dalla tecnologia dirompente e limitarne gli impatti negativi. I principali innovatori del mondo hanno spesso investito di più in strategie basate sulla resilienza, progettate per massimizzare le probabilità che i loro cittadini prosperino grazie a cambiamenti dirompenti. Tuttavia, di fronte alla Quarta rivoluzione industriale, la domanda è se queste società siano sufficientemente preparate.

Poiché le tecnologie modificano l’assetto delle industrie e alterano o addirittura eliminano del tutto alcune categorie di lavoro, gli stati dovranno adeguare i loro sistemi di istruzione, la forza lavoro e il sistema di assistenza sociale.

I governi che trattano la propria forza lavoro come la loro più grande ricchezza avranno grandi benefici a lungo termine. Investire in un’istruzione di alta qualità, nella formazione e nel miglioramento delle competenze per tutta la vita e in una rete di sicurezza sociale flessibile ma robusta, ripagherà quei paesi disposti a fare tali investimenti. Questo è un settore in cui gli Stati Uniti, in quanto innovatori leader a livello mondiale, rischiano di restare indietro: l’istruzione universitaria è sempre più costosa per i suoi cittadini, il suo sistema di formazione delle competenze è ben al di sotto di leader come la Germania e la sua rete di sicurezza sociale è instabile.

I responsabili delle politiche di tutto il mondo devono trovare il modo di portare più persone nel settore tecnologico. Sfortunatamente, è un club esclusivo: indipendentemente dal paese, i lavoratori sono sproporzionatamente maschi e arrivano dagli strati più ricchi della società. I governi devono fare un lavoro migliore con le donne, le minoranze etniche e razziali e le persone provenienti da strati socioeconomici inferiori, dando loro gli strumenti necessari per competere in questo settore.

La governance globale sarà una sfida

Come per le rivoluzioni precedenti, le tecnologie che emergono dalla quarta rivoluzione industriale stanno arrivando ben oltre le regole e gli standard necessari per governarle. Vi è scarso consenso a livello globale su come regolamentare l’impatto delle tecnologie o sull’opportunità di regolamentarle.

Per creare un regime mondiale di regolamentazione della tecnologia che sia solido, attuabile e applicabile, occorre dimostrare che una determinata tecnologia presenta sufficienti inconvenienti da richiedere una supervisione. Vi sono scarse possibilità che tali prove esistano al momento dell’invenzione della tecnologia. Ci sono voluti decenni perché gli scienziati scoprissero che i clorofluorocarburi (CFC), ad esempio, stavano distruggendo lo strato di ozono. Anche quando una tecnologia ha evidenti ripercussioni negative, come spesso accade con la nuova tecnologia dei campi di battaglia (si pensi alle armi nucleari), gli accordi globali per limitarne l’uso richiedono la volontà politica degli Stati di aderirvi.

La governance intelligente della tecnologia a livello globale è uno dei compiti più importanti che dovremo affrontare in questo secolo. Nonostante le difficoltà nel creare regimi di governance tecnologica solidi a livello internazionale, è imperativo che i governi facciano proprio questo.

I negoziati bilaterali tra le grandi potenze su una serie di questioni legate alla tecnologia possono avere un effetto reale e produttivo sulla governance, data la loro importanza per l’economia globale e per la produzione tecnologica. Lo stesso dicasi per i forum multilaterali come l’Organizzazione mondiale del commercio, il Gr20, WIPO, l’Unione internazionale delle telecomunicazioni (UIT) e molti altri.

Sebbene la politica globale renda molto difficile e a volte impossibile per tali organizzazioni guidare la creazione di regole globali solide e applicabili, gli stati possono rivolgersi a loro per lo sviluppo di nuovi standard e norme per questioni spinose di governance tecnologica in aree come l’ingegneria genetica o l’intelligenza artificiale.

Tratto dal World Economic Forum 2018



FONTE : Il Blog di Beppe Grillo