S’io fossi…

di Mara Turani

Una canonica del 600 lascia il posto ad una decina di appartamenti privati. La Parrocchia di San Giorgio cede la ex canonica e l’ex oratorio ai privati e l’attuale proprietario Giovanni Polesello ne fa quel che ritiene opportuno, ossia una decina di unità abitative. Ma c’è di più. Una convenzione tra Comune e privato, prevede un accesso al nuovo stabile con percorso pedonale da realizzarsi parzialmente su suolo pubblico, ossia la piazza, che verrà pavimentata con fondi Pisus e che prevede anche aiuole di abbellimento… come dire che il Comune, casualmente, aiuta con un’opera pubblica a completare il lavoro. Nulla di illecito, ovvio. Significa abbellire, rinnovare. Il PR lo prevede. Significa dare altri 10 appartamenti nuovi di pacca a Pordenone che ne ha tanto bisogno! Però peccato! Addio fascino e ricordi. Credo che il patrimonio delle città cominci anche dal rispetto e dalla salvaguardia di quello che la storia ci lascia e, personalmente, salverei anche una semplice cascina del 600, perché portatrice sana di passato, ma soprattutto perché abbattere è spesso sinonimo di cementificazione, consumo di altro suolo. Pordenone sembra avere contraddizioni irrisolte intrinseche: chiudono le librerie, ma Pordenonelegge; si lavora per la Capitale della Cultura, ma si abbattono edifici del passato nel nome del progresso; si cerca di tutelare il territorio, ma ci si lascia scappare la Camera di Commercio; si parla di rinascita del commercio in città e si danno autorizzazioni a costruire nuovi centri commerciali. Se fossi titolista, scriverei: NELLA CITTA’ DELLA CULTURA, IL PRIVATO INGOIA PEZZI DI STORIA INUTILI… Se fossi alla guida della città, andrei nella direzione opposta, ve lo confesso; s’io fossi…



FONTE : pordenone5stelle.it

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi