Riace non era un modello: è finita l’era del business dell’immigrazione

Dona

Mafia Capitale” o all’inchiesta su consorzio “Maleventum” dove secondo i pm � emerso un �sistema criminale� che faceva affari sulle assegnazioni pilotate dei migranti, sul sovraffollamento dei centri, sulla falsa attestazione di presenze degli ospiti, con la connivenza di alcuni pubblici dipendenti. Fino ad arrivare alle indagini odierne per “favoreggiamento dell’immigrazione clandestina“.
Un’economia drogata che ha avuto ripercussioni folli sulle casse dei comuni, alcuni dei quali hanno trascurato servizi essenziali come rifiuti, mensa scolastica, trasporto pubblico per concentrarsi sugli appetitosi finanziamenti a pioggia.

Con noi finisce tutto questo. Ora le cooperative avranno l’obbligo di rendicontare i fondi ricevuti fino all’ultimo centesimo. E’ finita l’era del business dell’immigrazione. Nessuno vuole scappare da un paese in cui si trova bene.

Bisogna fare di tutto per stringere accordi con i paesi di provenienza dei migranti e rendere le vite delle persone pi� sicure e degne di essere vissute.

2 Ott 2018, 10:06 | Scrivi | Commenti (4) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

business, carlo sibilia, immigrazione, m5s, sindaco riace

Invia il post ad un amico



FONTE
: Generoso Maraia – Movimento 5 Stelle