PIANO ANTISMOG: REGIONE DIMENTICA GLI INCENTIVI PER SOSTITUIRE I DIESEL. CITTA’ METROPOLITANA INASCOLTATA. BENE DEROGHE PER ARTIGIANI E COMMERCIANTI

Sono gli incentivi economici i grandi assenti nel dibattito sul piano antismog regionale che scatterà lunedì prossimo e andrà a colpire i mezzi diesel.  La Giunta regionale ha dormito per mesi quando doveva procedere per erogare un contributo mirato alla rottamazione e la sostituzione dei mezzi più inquinanti. La Città Metropolitana ha lavorato sin da subito alle deroghe per i commercianti mercatali e avanzato anche proposte per tutelare gli artigiani e i commercianti in difficoltà economica.

Il piano di uscita dal diesel deve procedere subito: ambiente e salute sono priorità assolute anche perché siamo soggetti ad infrazione europea con penali salatissime. Ma vogliamo esenzioni mirate per gli artigiani e i commercianti fino all’erogazione di incentivi consistenti per la conversione a gas/benzina/elettrico. Siamo quindi favorevoli a redigere un nuovo documento condiviso che preveda deroghe sui veicoli N1, N2 ed N3. Secondo Confartigianato il 56% dei furgoni utilizzati dai lavoratori del settore è un diesel sotto l’Euro 3 e le aziende che lavorano sul territorio sono quasi sessantamila.

Se poi la Regione Piemonte continua ad incentivare l’acquisto di mezzi pubblici a gasolio come nell’ultimo bando di cui si è avvalsa GTT allora ogni altra forma di riflessione viene meno. Si concentri da subito sul totale rinnovamento del parco autobus verso l’elettrico.

E’ necessario coniugare la tutela dell’ambiente e della salute senza danneggiare ulteriormente il mondo produttivo, già pesantemente colpito dalle politiche recessive della Giunta Chiamparino.

Gruppo regionale M5S Piemonte



FONTE : MoVimento 5 Stelle Piemonte