Philip Alston: Il Reddito è un diritto universale

Di seguito la dichiarazione del giurista australiano Philip Alston, nonchè Commissario Speciale dell’Onu contro la povertà estrema e di diritti umani, durante una conferenza a Tampere in Finlandia, dal 24 al 26 Agosto, per il 18esimo Congresso Mondiale sul Reddito Universale.

“Il movimento per i diritti umani deve affrontare e rispondere ai cambiamenti fondamentali che stanno avvenendo nelle strutture economiche e sociali a livello nazionale e globale.

La povertà estrema è un fenomeno multidimensionale che va ben oltre il tema della mancanza di reddito sufficiente a non far cadere le persone in una condizione intollerabile.

Sebbene molti attori internazionali utilizzino ancora misure basate esclusivamente sul reddito, come la definizione di 1,25 dollari al giorno della Banca Mondiale, tali approcci non riescono a cogliere la profondità e la complessità della povertà estrema e non riflettono l’impatto significativo della povertà sul pieno godimento dei diritti umani.

L’estrema povertà comporta una mancanza di reddito, una mancanza di accesso ai servizi di base e l’esclusione sociale. Ciò si accorda strettamente con l’Indice di povertà multidimensionale del Programma di sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP), che cerca di riflettere le privazioni multiple a livello di famiglie, incluse la salute, la scuola e le condizioni di vita.

Utilizzando un approccio multidimensionale alla povertà, l’incidenza della povertà estrema in tutto il mondo è sbalorditiva. La povertà è una preoccupazione urgente per i diritti umani. Per coloro che vivono in estrema povertà, molti diritti umani sono fuori portata. Tra molte altre privazioni, spesso non hanno accesso all’istruzione, ai servizi sanitari o all’acqua potabile e ai servizi igienici di base. Sono esclusi dalla partecipazione attiva al processo politico e alla ricerca di giustizia per le violazioni dei loro diritti.

La povertà estrema può essere causa di specifiche violazioni dei diritti umani, ad esempio perché i poveri sono costretti a lavorare in ambienti non sicuri e malsani. Allo stesso tempo, può essere una conseguenza delle violazioni dei diritti umani, ad esempio quando i bambini non riescono a sfuggire alla povertà perché lo Stato non fornisce un accesso adeguato all’istruzione.

L’eliminazione della povertà estrema non dovrebbe quindi essere vista come una questione di carità, ma come una pressante questione dei diritti umani. La sua persistenza in paesi che possono permettersi di eliminarlo equivale a una chiara violazione dei diritti umani fondamentali.

Un reddito di base è esplicitamente progettato per sfidare la maggior parte delle ipotesi chiave alla base dei sistemi di sicurezza sociale esistenti.

Piuttosto che un sistema in cui vi sono pagamenti parziali, il reddito di base garantisce un piano; invece di essere episodici, i pagamenti sono regolari; piuttosto che essere basati sui bisogni, sono pagati come una tariffa forfettaria per tutti; vengono in contanti, piuttosto che come supporto disordinato in natura; si accumulano per ogni individuo, piuttosto che solo per le famiglie bisognose; piuttosto che richiedere che vengano soddisfatte le varie condizioni, esse sono incondizionate; piuttosto che escludere i benestanti, sono universali; e invece di basarsi su contributi vitalizi, sono finanziati principalmente dalla tassazione”.



FONTE : Il Blog di Beppe Grillo

Potrebbe interessarti anche: