PENSIONI: BOERI DIFENDE PRIVILEGI E LEGGE FORNERO

#PENSIONI: BOERI DIFENDE PRIVILEGI E LEGGE FORNERO ??

Boeri in audizione alla Camera ha strenuamente difeso i privilegi dei sindacalisti, attaccando la nostra pdl sul taglio alle pensioni d’oro che prevede un ricalcolo contributivo anche per loro. Non contento, si è spinto a difendere per l’ennesima volta la legge Fornero sulle pensioni, mettendo di fatto in discussione il voto popolare.

Boeri deve rassegnarsi: l’indirizzo politico del governo lo decidono i cittadini, non un organismo tecnico come quello che presiede. Quota 100 verrà introdotta perché è una misura di giustizia sociale che darà una boccata d’ossigeno al mondo del lavoro e alla produttività, consentendo alle imprese di assumere giovani lavoratori in sostituzione di coloro che accedono alla pensione. Tra l’altro, su questo, avrà una funzione positiva anche il dl dignità, che ha previsto sgravi contributivi a favore delle imprese che assumono stabilmente under 35.

Il presidente dell’Inps è ritornato anche sul fumoso concetto di debito implicito, sostenendo che l’introduzione di quota 100 avrebbe effetti su tale parametro per 100 miliardi di euro. È un’analisi che non ci ha mai convinto, perché parte dal presupposto che il rapporto spesa pensionistica/Pil possa solo salire. La verità è che stimolando il Pil, come faremo a differenza dei governi precedenti, la spesa pensionistica italiana sarà in futuro pienamente sostenibile.

Oggi, infatti, abbiamo oltre 6 milioni di persone disoccupate o inattive che vanno riportate al lavoro. Aumentando il tasso di occupazione aumenteranno anche i contributi versati alle casse dell’Inps, garantendo pensioni future più elevate e margini di spesa già oggi per mandare in pensione qualche anno prima chi ha già lavorato per 38 anni.

L’articolo PENSIONI: BOERI DIFENDE PRIVILEGI E LEGGE FORNERO sembra essere il primo su Tiziana Ciprini.



FONTE : Tiziana Ciprini

Potrebbe interessarti anche: