Ospedale di Putignano, M5S: La Regione ha inviato al Governo la documentazione sul Piano di riordino? Vanno controllate decisioni dubbie

“Chiediamo di sapere se la Regione Puglia ed in particolare l’assessore alla sanità Michele Emiliano abbiano inviato al Governo la documentazione che era stata richiesta già a marzo e luglio 2018, attestante la corretta applicazione del D.M. 70/2015 in occasione del piano di riordino ospedaliero, per permettere ai ministeri competenti di far luce su situazioni poco chiare o quantomeno meritevoli di approfondimenti, come quella dell’Ospedale Santa Maria degli Angeli di Putignano che è stato declassato da “Primo livello” ad “Ospedale di base” nonostante le caratteristiche del nosocomio rispettassero, probabilmente, tutti i requisiti necessari a non subire tale declassamento anche in relazione sia al bacino di utenza della zona (di oltre 200.000 utenti) che alle illogiche distanze che andrebbero a dividere la zona in esame con gli ospedali di Primo Livello più vicini.” lo dichiarano i consiglieri regionali M5S Antonella Laricchia e Marco Galante che da tempo, insieme al deputato M5S Emanuele Scagliusi, stanno seguendo la questione del nosocomio della bassa Murgia barese e che già lo scorso maggio avevano depositato una interrogazione in merito.

“In occasione dei tavoli congiunti tenutisi nei mesi di marzo e luglio 2018 tra Governo e Regione – proseguono i cinquestelle – i ministeri partecipanti al tavolo (MEF e Ministero della Sanità) avevano richiesto alla Regione Puglia tutta la documentazione attestante la corretta applicazione del D.M. 70/2015 inerente il riordino della rete ospedaliera e della emergenza-urgenza, in particolare il provvedimento unico di programmazione contenente la rete ospedaliera, la rete emergenza-urgenza e le reti tempo-dipendenti, oltre al cronoprogramma degli interventi per la riconduzione entro gli standard del D.M. 70. Data la plausibile presenza di numerose situazioni simili ci sembra più che opportuno che la Regione Puglia ottemperi alle richieste da parte del Ministero, anche per scongiurare la possibilità che il Piano di Riordino studiato ed attuato da Emiliano non arrechi ulteriori disagi immotivati alla cittadinanza.”

“Ci auguriamo – conclude il deputato Scagliusi – che la Regione abbia provveduto ad inviare la documentazione necessaria o, laddove non lo avesse ancora fatto, che possa provvedere nel minor tempo possibile al fine di tutelare un diritto costituzionalmente garantito quale quello alla salute”.



FONTE : MOVIMENTO 5 STELLE Puglia