Mai più bimbi dimenticati in auto: arriva l’obbligo per il dispositivo salva bebè

seggiolinibebe.jpg

di MoVimento 5 Stelle, commissione trasporti

In Commissione Trasporti della Camera abbiamo approvato un disegno di legge che prevede l’obbligo di montare dispositivi salva-bebè sui seggiolini delle automobili. Si tratta di dispositivi elettronici che avranno il compito di rilevare l’allontanamento del conducente e la contemporanea presenza di bambini a bordo dell’auto. Questi sistemi avviseranno il genitore attraverso lo smartphone con una chiamata d’emergenza automatica, che verrà inoltrata anche a una serie di contatti salvati in precedenza.

Sono 45 i bambini morti nel mondo per ipertermia nel 2017 perché dimenticati in auto dai propri genitori. Ecco perché intendiamo modificare il Codice della Strada inserendo l’obbligo di installare dispositivi anti-abbandono sui seggiolini auto per bimbi al di sotto dei 4 anni. In questo modo vogliamo evitare altre morti assurde come quelle a cui abbiamo assistito in questi ultimi anni. In Italia, invece, un genitore su quattro ammette di aver dimenticato almeno una volta il figlio in auto, complici stress e stili di vita sempre più frenetici. Alcune decine ogni anno sono stati salvati per pura casualità grazie all’intervento di passanti o delle forze dell’ordine. Anche per questo, nella legge, abbiamo previsto una campagna di sensibilizzazione sul fenomeno e presto ci saranno anche agevolazioni fiscali per favorire l’acquisto dei dispositivi anti-abbandono.

Il ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli, fra l’altro, aveva inserito questo intervento tra le priorità del suo ministero, parlando di detrazioni fino a 200 euro. Lo sconto dipenderà dall’esito del dialogo fra Mit e Ministero dell’Economia sulle risorse. La prossima tappa è l’approvazione al Senato in autunno ed entro la prossima estate l’obbligo si applicherà a tutte le auto che circolano in Italia.

Un risultato, insomma, che nessuna maggioranza di governo aveva mai raggiunto prima. Un’altra vittoria per i cittadini italiani!

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it



FONTE : Il Blog delle stelle