La storia vera di un cittadino Italiano che ha gia’ ricevuto il Reddito di Cittadinanza (in UK)

LA MIA ESPERIENZA CON IL REDDITO DI CITTADINANZA.

Dona oggi, e rimani informato anche domani. Con Paypal: https://www.paypal.me/sel5stelle

LA MIA ESPERIENZA CON IL REDDITO DI CITTADINANZA.
il reddito di cittadinanza e’ stato spiegato tante volte ma mai da chi lo ha ricevuto. non in italia ovviamente, ma noi italiani emigrati all’estero lo conosciamo.
Io sono emigrato in uk nel 2000 e , nel 2004 , a 40 anni, mi ritrovai senza lavoro e poco dopo senza soldi.
non volendo ritornare in italia e non avendo parenti per chiedere aiuto, mi sentii costretto a richiederlo.
per me era una umiliazione farmi dare i soldi per non fare niente, ma l’alternativa era dormire sotto un ponte e mangiare alla caritas.
dopo un paio di settimane che mi ero iscritto, andai per firmare (ogni due settimane ti dicono che devi presentarti a firmare) e mi dissero che c’erano corsi che si potevano fare: mi iscrissi al volo ad uno di inglese, (quando ero arrivato a Londra, conoscevo a malapena 100 parole di inglese e, lavorando in un ristorante italiano 65/70 ore alla settimana, non avevo avuto modo di impararlo).
Andai al corso tutte le mattine per 6 mesi e dopo un mese mi iscrissi al Learning Direct, (non avevo mai usato un computer) incominciando con il Basic e poi al Microsoft office, Excel, world, database livello 1 e 2. quando finii la scuola d’inglese incominciai con Customer service ed altri corsi di formazione, come anche il Sage, che e’ contabilità elettronica. per farla breve, dopo 15 mesi trovai lavoro e continuo a lavorare ancora oggi dopo 12 anni, come contabile in una charity che ha 50 dipendenti. Ho accumulato tanta esperienza tanto da non preoccuparmi se mi dovesse capitare di perdere questo lavoro.
Se nel 2004 non mi fossi rivolto al job center per richiedere il reddito di cittadinanza inglese, ora probabilmente farei il barman o cameriere a 7 sterline e 50 l’ora, tante ore di lavoro, specialmente di sera e nei fine settimana, oltre ad una certa precarietà’ che questi lavori comportano.
oggi posso dire : per fortuna lo stato (inglese) mi ha aiutato con il reddito di cittadinanza, che ho già’ ripagato con le tasse e continuo a contribuire con il lavoro.
un emigrato italiano all’estero.
Claudio Valente

Dona oggi, e rimani informato anche domani. Con Paypal: https://www.paypal.me/sel5stelle