I nostri oceani hanno bisogno di giovani

di Ben May – I miei ricordi d’infanzia più affettuosi sono al mare. Non c’è niente come immergersi e scoprire il meraviglioso e misterioso mondo sottomarino, sentire la brezza dell’aria del mare o sentire lo schianto delle onde. Diamo per scontato l’oceano e spesso dimentichiamo che il 71% della superficie terrestre è coperta dall’acqua.

L’oceano e la terra sono strettamente interconnessi. Tutto ciò che facciamo a terra ha un impatto diretto, globale e a cascata sull’oceano. Quello che succede negli oceani colpisce l’intero pianeta.

Gli ecosistemi marini sono più vulnerabili. Gli ambientalisti tendono a proteggere l’ambiente per conservarlo. Sono un ambientalista e un attivista perché so che se gli ecosistemi collassano, la terra non sarà più abitabile. L’umanità si è portata all’estinzione.

Ma non lo lasceremo accadere. La positività e il potere dell’individuo è ciò che guida il mio lavoro. Sono sempre sorpreso dall’enorme potere esercitato quando le persone agiscono, parlano e si uniscono.

In linea con il tema della Settimana Mondiale dell’Acqua di quest’anno “Acqua, ecosistemi e sviluppo umano”, possiamo fare tre cose per sviluppare una relazione sostenibile con l’oceano: coinvolgere i giovani, fornire ai giovani mentoring e sostegno per i propri progetti e combattere l’apatia .

Coinvolgere la gioventù

Nonostante sia il più grande gruppo demografico al mondo, e il più a rischio, i giovani di solito hanno la voce più piccola quando si tratta di coinvolgimento. Eppure i giovani hanno bisogno di iniziare attivamente a guidare il cambiamento perché il mondo che erediteremo sarà modellato dalle azioni e dalle decisioni di oggi.

Ho deciso di fare qualcosa al riguardo.

Ho fondato ThinkOcean per fornire una piattaforma e una community per persone affini che stanno facendo un lavoro straordinario per guidare i loro progetti, creando cambiamenti diffusi nelle loro comunità. Nel suo primo anno, abbiamo diffuso consapevolezza ambientale, promosso pratiche sostenibili e abbiamo contribuito a un’azione governativa completa. Ho organizzato anche Sea Youth Rise Up, che riunisce giovani leader di tutto il mondo con il fine di parlare con i leader mondiali.

Nel 2016, i leader di Sea Youth Rise Up si sono incontrati con il Consiglio sulla qualità ambientale alla Casa Bianca, per fermare la trivellazione petrolifera al largo della costa di Cape Cod. L’area incolume stava per essere sottoposta a esplorazioni petrolifere e sfruttamento da parte della pesca. Il governo ha accettato di creare la prima area marina protetta degli Stati Uniti nell’Oceano Atlantico.

Sostenere le iniziative guidate dai giovani

Dobbiamo investire più tempo e denaro nella promozione delle azioni dei giovani. Al Summit per la conservazione dell’oceano riuniamo studenti, scienziati e ambientalisti per aiutare i giovani a lanciare le proprie iniziative di conservazione. Investire in tali programmi può aiutarci a canalizzare la nostra passione in modi proattivi e creare lo slancio che ci aiuterà ad affrontare le sfide di domani.

Combattere l’apatia

Infine, dobbiamo combattere l’apatia. Dobbiamo smettere di sostenere le pratiche che creano un futuro tetro per la mia generazione. Come consumatori, siamo responsabili della vita o della morte di ogni azienda e industria. Dobbiamo diventare proattivi nella scelta del modo in cui vogliamo che venga trattato il nostro ambiente – votare con i nostri dollari.

Molte persone pensano che la loro azione individuale sia piccola o insignificante. Eppure, gli studi dimostrano che se il 10% di qualsiasi popolazione ha una convinzione, si diffonderà a macchia d’olio. Basta l’entusiasmo di un piccolo gruppo per invertire la tendenza.

Siamo giovani, ma siamo potenti. Se correttamente canalizzate, le nostre voci sono abbastanza forti da rendere le increspature dal locale al livello internazionale, unendo la forza di volontà e l’entusiasmo di una rete in crescita di giovani leader per parlare del nostro futuro condiviso. È tempo di usare questo potere collettivo per influenzare le decisioni di oggi.



FONTE : Il Blog di Beppe Grillo

Potrebbe interessarti anche: