Bene, avanti così !

3 R, PUVAT, PUMS.

Queste tre sigle misteriose sono i tre “pennelli amministrativi”che colorano lo schizzo disegnato nel nostro programma elettorale, nel quale sono tratteggiate le priorità di cui Pinerolo non può più fare a meno.
Riduzione del consumo di suolo, riqualificazione del centro storico, mobilità sostenibile, sono i titoli di interi capitoli del programma elettorale che ora stanno prendendo la forma ed il peso di atti pubblici.

L’immagine di Pinerolo circondata da una linea rossa di confine, linea entro la quale si incentiva l’attività edilizia di riqualificazione e oltre la quale non si deve più costruire per preservare il suolo è stata, per molti di noi, la spinta che ha mosso a fare politica.

Chi aderendo a battaglie ambientaliste, chi avvicinandosi al palazzo civico ed ai suoi sconosciuti meccanismi.

Questa linea di confine, e molto altro, è contenuta nel documento chiamato 3R col quale si definiscono i contenuti che la Variante al Piano Regolatore dovrà contenere.

Le 3 R spiegate e condivise con cittadini e lavoratori del settore nella seconda serata di presentazione di venerdì 6 aprile sono quelle che sostengono l’intero progetto: Riduzione del consumo di suolo, Riqualificazione e Resilienza.
Se la riqualificazione dovrà occuparsi non solo di pezzi importanti di città, ma della qualità del costruito stesso, la terza R che sta per Resilienza, dovrà affrontare in modo dolce ma efficace le conseguenze di fenomeni naturali, non opponendo loro imponenti infrastrutture, ma evitando di costruire, ostruire, imbrigliare, occupare.

Alle 3R si associa, incrociandolo e avvalorandolo, il PUVAT (Programma Unitario di Valorizzazione Territoriale di immobili pubblici).
In questo documento si rileva il quadro complessivo del patrimonio pubblico non solo di proprietà comunale. L’obiettivo è, in accordo con il Demanio, di razionalizzare il patrimonio stesso, cercando di soddisfare le varie esigenze pubbliche e private della Città. La sfida, complessa e affascinante, è quella di riutilizzare in modo proficuo ed intelligente quanto lo Stato, in particolare l’Esercito, ci ha lasciato. Patrimonio ingente, carico di storia e di problemi ma il cui fascino non è ancora stato offuscato dal degrado.

A queste visioni complessive e intersecate non poteva certo mancare il Piano Urbano per la Mobilità Sostenibile (PUMS), il più avanzato tra i 3 progetti, che affronta il grande tema del trasporto e della mobilità pubblica a privata. Questo progetto si unisce e corrobora le politiche di riqualificazione della città sopra elencate, riducendo l’utilizzo di auto a favore della mobilità dolce o pubblica. Bellezza, salute, socialità, tutti temi già affrontati nei precedenti punti da prospettive e ambiti differenti.

Questi progetti, a cui, per la loro complessità, vi rimandiamo ad una lettura più approfondita, sono veri e propri pilastri della nostro mandato. Pertanto non potevano che essere affrontati sotto la luce della più ampia e condivisa partecipazione.
Riunioni, tavoli di lavoro, presentazioni, questionari. Tutti strumenti utilizzati affinché i risultati che si otterranno non siano una medaglia di questa amministrazione ma il merito di una Comunità che si è interrogata e ha lavorato per pilotare il proprio futuro.
In questa ottica ci sentiamo di rivolgerci ai gruppi consiliari ed ai partiti presenti in città. Il nostro auspicio è che si abbandonino piccole questioni e posizioni elettorali per partecipare attivamente al disegno di città che si sta realizzando, pur mantenendo spirito critico e persino asprezza di toni se necessario. Il benessere della nostra comunità merita il loro apporto e vale questo grande sforzo.

Tutto quanto sopra esposto si sta realizzando con il supporto della competenza di professionalità interne ed esterne all’Amministrazione, sulla scorta di studi e rilievi effettuati sul campo. Nessuno spazio è stato lasciato all’improvvisazione.

Non possiamo e non vogliamo nascondere la nostra soddisfazione nel vedere che la Pinerolo immaginata in tante riunioni e discussioni prima che il nostro gruppo si trasformasse in Amministrazione, si sta realizzando. Lo spirito è sempre quello dei volantinaggi in favore di Monte Oliveto e delle biciclettate ad “occupare” le vie del centro. In più c’è un pizzico di coraggio nel realizzare atti che oggettivamente, per complessità, globalità e visione mai si sono visti nelle recenti amministrazioni che ci hanno preceduto.

Non lo nascondiamo, siamo molto soddisfatti: la fatica di tante battaglie sta producendo i suoi frutti ed il lavoro trasforma in realtà i sogni.

M5S Pinerolo

Schema_Strategico_Viabilita_PUVAT_2018



FONTE : – Movimento 5 Stelle Pinerolo (TO)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

error: Contenuto Protetto !!!