Auto Elettriche: L’Europa supererà il mercato statunitense

Le case automobilistiche europee stanno lanciando molti veicoli elettrici come quelli in mostra questa settimana al Salone di Parigi per diventare sempre più leader del settore e competere con Tesla. Ma anche per i regolamenti dell’UE.

Con i nuovi regolamenti per le emissioni, l’Europa vedrà presto un’impennata delle offerte elettriche, superando gli Stati Uniti, dove la spinta ha rallentato sotto l’amministrazione Trump, ma ancora probabilmente in ritardo rispetto alla Cina, dove il governo sta richiedendo più auto elettriche.

Le nuove regole potrebbero aumentare le vendite in Europa . Rimangono però aperte molte domande, non ultima la disponibilità delle infrastrutture.

Alla fiera di Parigi, la Mercedes-Benz Daimler mette in mostra il suv elettrico EQC, mentre l’Audi di Volkswagen ha l’e-tron, entrambi alimentate a batteria. Dovrebbero essere nelle strade nei prossimi mesi, l’e-tron quest’anno e l’EQC nel 2019.

Ma lo sforzo collettivo dell’Unione europea per ridurre la produzione di gas a effetto serra incide anche sui piani delle case automobilistiche.

Devono ridurre le emissioni medie di CO2 per le nuove auto vendute in Europa dall’obiettivo del 2015 di 130 grammi (4,6 once) di CO2 per chilometro percorso a 95 grammi per chilometro nel 2021, o pagare multe salate.

Lo scorso anno le emissioni medie sono aumentate in realtà, passando da 118,1 grammi a 118,5 grammi per chilometro. Uno dei motivi è il crollo delle vendite di diesel, colpito dallo scandalo di Volkswagen per aver imbrogliato i test sulle emissioni. I Diesel possono emettere più ossido di azoto, il che è dannoso per la salute delle persone, ma meno CO2.

Le case automobilistiche vanno avanti anche se le vendite correnti sono minime, dicendo che se i veicoli sono abbastanza attraenti, la domanda arriverà.

L’industria ha raggiunto facilmente un obiettivo di emissioni del 2015 di 130 grammi di CO2 per chilometro migliorando l’efficienza dei motori a benzina e diesel. I produttori di automobili si aspettavano di raggiungere l’obiettivo 2021 con una combinazione di motori diesel, che sono il 15-20% più efficienti rispetto ai motori a benzina: motori a benzina più efficienti e ibridi plug-in.

Per rispettare il limite delle emissioni, l’industria ha bisogno di un aumento sistematico delle auto elettriche a partire dal 2020, che raggiungerà una quota di mercato del 9% e 1,45 milioni di veicoli entro il 2023.

Ciò probabilmente metterebbe l’Europa ben al di sopra degli Stati Uniti, dove la spinta delle normative ambientali si è rallentata. L’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha proposto di ridurre i requisiti di chilometraggio per il 2021-26 inizialmente proposti dall’amministrazione Obama e ha proposto di ritirare il diritto della California di regolamentare le emissioni.

La California ha spinto per più auto elettriche, e i suoi numeri gli danno forza.

L’Europa rimane ancora indietro rispetto alla Cina, dove il governo sta imponendo che le auto elettriche costituiscano una parte più ampia del mercato. Attualmente la quota di mercato statunitense per l’impianto elettrico è dello 0,6 per cento; in Cina è 1,8 per cento.

I produttori di automobili stanno respingendo i requisiti ancora più severi per il 2030, dicendo che le infrastrutture e i consumatori non sono pronti per il numero di veicoli a basse emissioni che sarebbero necessari.

La commissione esecutiva dell’UE vuole un ulteriore taglio del 30% e la commissione per l’ambiente del parlamento dell’UE ha proposto il 45%.



FONTE : Il Blog di Beppe Grillo

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi