Alluvioni: tempo di agire e dire la verità ai cittadini

Zanichelli, Mantovani, Spadoni: impegno in Parlamento per proposte concrete per garantire investimenti contro il dissesto idrogeologico
REGGIO EMILIA 12 MARZO – I recenti eventi meteorologici non possono essere ignorati nella loro incredibile estremizzazione, e devono mettere a tacere per sempre una politica sino ad oggi incapace di guardare oltre il proprio naso. E’ giunto il momento di dire chiaramente ai cittadini che le soluzioni tradizionali non hanno fatto altro che aggravare il problemi e che sono totalmente inefficaci di fronte ad un clima che cambia. Le immagini dei flash flooding causati da un rapido scioglimento della neve in collina e in montagna, evento prima raro e che ora si è verificato ben 2 volte in poche settimane, fanno il paio con eventi estremi che stanno sconvolgendo tutta l’Europa, con escursioni termiche di 20 ed anche 30 gradi nel breve volgere di una settimana.
Esattamente ciò che è stato previsto da anni dagli scienziati: cambiamenti climatici significano prima di tutto eventi meteorologici estremi più frequenti.
Come affermiamo da anni ed è stato scritto nel programma del Movimento 5 Stelle, tra gli investimenti prioritari ci sono quelli per mettere al sicuro il territorio dal rischio idrogeologico attraverso una sistematica manutenzione di ciò che serve e funziona, garantendo fondi sufficienti. Quando l’emergenza diventa sistematica, non è più tollerabile continuare ad pensare e agire come se nulla fosse, e gli investimenti in prevenzione sono più efficienti degli investimenti in emergenza. In questa logica devono scomparire tutte le proposte inutili e dannose di opere che non fanno altro che aggravare il problema. Bisogna capire che un fiume non è un tubo in cui scorre l’acqua, ma un complesso meccanismo di trasporto anche solido che viene messo in crisi dagli sbarramenti. Quando manca questo corretto rapporto accade ciò che vediamo nel Secchia, con un torrente appenninico che si sta trasformando in un canyon degno di scenari d’oltreoceano. In questo “canyon” l’acqua scorre sempre più veloce, sempre più dirompente e sempre meno “controllabile”. E qualcuno sta pensando di riproporre in grande scala questo errore, sul fiume Enza. Non appena saremo insediati in Parlamento, insieme ai colleghi portavoce, presenteremo sia interrogazioni che proposte concrete ed immediate sul tema, e tutti insieme ci muoveremo per garantire gli investimenti contro il dissesto idrogeologico. Un’agenda che deve cambiare: dobbiamo adattarci velocemente ad un clima diverso e mettere nel cassetto tutte le convinzioni che ci hanno portato a questi disastri.
Grazie  di cuore a tutte le persone che in queste ore stanno lavorando per gestire la situazione.
Davide Zanichelli,  M5S cittadino alla Camera dei Deputati
Maria Laura Mantovani, M5S cittadina al Senato della Repubblica
Maria Edera Spadoni,  M5S cittadina alla Camera dei Deputati



FONTE : Reggio Emilia 5 Stelle

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi