Vi racconto La Banda Bassotti dietro il servizio delle iene.

Il servizio delle Iene sui “rimborsi” (che rimborsi non sono ma donazioni) mi ha permesso di sciogliere la riserva su chi votare e di decidermi per i Cinque stelle.

Chiuse le considerazioni su onestà e competenza, vorrei commentare quest’ultimo, squallido episodio. Da sempre i dirigenti individuano nell’onestà la connotazione del Movimento, che lo distingue dalle altre formazioni politiche. Gli avversari replicano dicendo che i parlamentari pentastellati sono come tutti gli altri. Confondono, cioè, l’onestà come valore universale (del movimento) con l’onestà individuale.

Lo scoop delle Iene ha messo in evidenza la disonestà di alcuni parlamentari del Movimento, che, a sua volta, ha riaffermato i propri valori, espellendo i membri infedeli.

E’stata certo una cosa brutta la scoperta di persone scorrette nel Movimento, ma grazie ad essa è stato possibile vedere come il Movimento abbia prontamente reagito per tutelare la propria onorabilità.

VIDEO Luigi Di Maio Presenta I 20 Punti Del Programma Per La Qualità Della Vita Degli Italiani.

Occorre, perciò, ringraziare il servizio delle Iene e chi lo ha commissionato.

1. A questo proposito, sommessamente, voglio riportare alla vostra attenzione alcune osservazioni che ritengo importanti:

a.Il conto corrente del MEF, su cui tutti i parlamentari del M5S versano le loro donazioni, non è ispezionabile da nessuno, nemmeno dai parlamentari stessi. perciò Chi ha rilevato queste notizie è entrato illegalmente nel conto.

b.L’analisi delle donazioni di 150 parlamentari richiede molto tempo, probabilmente mesi (150 versamenti al mese per 5 anni, fanno ben 9.000 in totale!!!) Quindi la persona, o più verosimilmente la “banda”, che ha violato il conto, lo ha rovistato in lungo ed in largo per molto tempo, con l’obiettivo di scoprire quello che è poi venuto alla luce. Preciso che sono ben lieto che queste notizie siano state rese note, ma faccio rilevare che lo scopo che questi personaggi volevano raggiungere (o per meglio dire – il loro mandante) era indiscutibilmente quello di infangare il movimento.

c.Infine la furbissima Banda Bassotti ha contattato le Iene e concordato la strategia: avevano una notizia-bomba e perciò hanno prima creato l’attesa dicendo che non la volevano pubblicare, poi l’hanno resa pubblica per metà, annunciando il seguito alla successiva puntata. Immediatamente prima delle elezioni, ma dopo la pubblicazione ufficiale delle liste, in modo da non poter rimuovere i candidati. Bravissimi, chapeau.

d. Ed ecco allora che Putipù · Calascione · Castagnelle · Ciaramella · Mandolino · Scetavajasse · Sisco · Sisco a duje · Tammorra · Tammuriello o Tamburello napoletano, trombe, tromboni, tamburi e pernacchi si sono attivati tutti insieme su tutte le reti televise e quasi tutti i giornali, per far conoscere al mondo intero che “il movimento” 5 stelle era impuro, disonesto (oltre che incompetente) e perciò non meritevole di alcuna considerazione.

e. Certo che aver preso ancora una volta coscienza che le forze politiche che hanno governato e governano questo Paese abbiano tanto a cuore la sorte dei 5 stelle da orchestrare illeciti e strategie di questo livello (non è bastata la sciagurata legge elettorale?) mi conforta e mi induce a concludere: meno male che il movimento M5S c’è!

2. Infine ho visto la reazione del capo politico del M5S che, con la calma della persona perbene, ha chiamato le Iene ed ha mostrato loro apertamente, davanti a tutti, che non avevano nulla da nascondere. Ringraziando, lui le Iene ed io “il capo banda”, per il grande servizio di pulizia che hanno permesso di fare all’interno del Movimento.

Perciò, in seguito a questo episodio costruito magistralmente, ma nella forma più stupida possibile per chi abbia un minimo di comprendonio, da questi grandi maestri e alla magnifica reazione del capo politico del M5S, congiuntivi o non congiuntivi, non ho più dubbi sul come votare.

Giuseppe Moscariello