Verità e giustizia per Jamal Khashoggi, giornalista ucciso per quello che scriveva

jamloaj.jpg

di Manlio Di Stefano

Oggi vorrei onorare la memoria di Jamal Khashoggi, giornalista assai noto e apprezzato in Arabia Saudita e non solo, visto che di recente era diventato anche editorialista per il “Washington Post”.

Khashoggi è entrato nel consolato del proprio Paese a Istanbul il 2 ottobre e non ne è mai uscito perché, fanno sapere i turchi, sarebbe stato ucciso, poi addirittura fatto a pezzi e infine portato via da un commando di quindici agenti arrivati lo stesso giorno su due voli privati decollati dalla capitale saudita Riad. Ha pagato a caro prezzo l’amore per la verità, come è successo anche a giornalisti italiani come Giancarlo Siani e Ilaria Alpi.

Khashoggi aveva “osato” esprimere dubbi sull’operato del governo e in particolare sulla guerra portata avanti contro lo Yemen e sulle purghe contro gli oppositori della vecchia guardia. Mi auguro sia fatta giustizia il prima possibile. La libertà d’informazione è sacra e va protetta in tutti i modi. Questi sono i problemi che il giornalismo deve affrontare in tanti Paesi del mondo e anche in Italia questi temi meriterebbero un’attenzione molto maggiore. Esprimo tutta la mia solidarietà e quella del governo italiano alla famiglia di Khashoggi.

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it



FONTE : Il Blog delle stelle

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi