Settimana a 5 stelle n 129
Settimana a 5 stelle n 129

Settimana a 5 stelle n 129

È tornata all’esame dell’Assemblea della Camera la proposta di legge volta alla prevenzione e al contrasto del fenomeno del #cyberbullismo. La proposta, approvata dal Senato e poi modificata dalla Camera è stata infatti nuovamente approvata con modificazioni dal Senato.

*Il M5s ha dato parere favorevole al provvedimento, che dà al nostro Paese uno strumento efficace per contrastare questa piaga sociale e culturale. C’è pero una criticità forte: le risorse stanziate per la campagna di informazione e sensibilizzazione nelle scuole ammonta a soli 200 mila euro.

*GOVERNO INFILA IN EXTREMIS LE TRIVELLE NEI PARCHI: MARCHETTA ALL’ENI?

Poche righe, e si ritorna indietro di mesi. Una delle solite “manine magiche” del governo ha infatti reintrodotto una folle norma che avevamo scongiurato, dopo una lunga battaglia, nella versione approvata in commissione ambiente: la possibilità di trivellare nei parchi e nelle aree protette.

18520004_1435524109803899_7138686104816991334_n

La manina ha aggiunto, con il vergognoso articolo 5, poche parolette magiche dall’apparenza innocua, e cioè: “fatte salve le attività estrattive in corso e quelle strettamente conseguenti”. E siccome il diavolo è nei dettagli, tutto ciò significa che possono essere tranquillamente aggiunti pozzi nuovi di servizio a quelli esistenti. Il sì al provvedimento Parchi era condizionato a questo articolo. È sempre la stessa storia, ci ritroviamo sempre alla casella del via: i petrolieri alzano il telefono e il governo ottempera prontamente.

*Gestione Centro Accoglienza Isola Capo Rizzuto, come #M5S abbiamo presentato un’interrogazione al Ministro Minniti. Il #QuestionTime al quale ha preso parte Marialucia Lorefice,in qualità di deputata della #CommissioneCaraCie e la collega #GiuliaSarti, #CommissioneAntimafia è stato trasmesso da Rai Parlamento.

L’inchiesta della Procura di Catanzaro ha appena portato all’arresto di 68 persone, coinvolte nella gestione del centro di accoglienza per richiedenti asilo di Isola Capo Rizzuto. Tra gli arrestati, esponenti delle cosche locali legate alla ndrangheta, esponenti della Misericordia e persino il parroco. Milioni di euro, dei nostri soldi, fatti scomparire e probabilmente finiti nelle banche svizzere, e sullo sfondo anche personaggi politici di rilievo.

Ancora una volta, fin dai tempi di Mafia Capitale, l’immigrazione si rivela come un business per molti.

Non possiamo far abbassare l’attenzione sulla gestione del Cara di Isola Capo Rizzuto. Nel question time di ieri pomeriggio abbiamo chiesto le ragioni per le quali non stati resi pubblici i dati relativi all’esposto fatto dall’eurodeputata M5S #LauraFerrara, dati che sono stati negati all’epoca dal Ministero dell’Interno. Inoltre abbiamo chiesto quali iniziative si vogliono intraprendere per garantire approfonditi controlli #antimafia, accertare eventuali responsabilità, garantire l’applicazione dello schema di capitolato approvato a marzo 2017, in base alle indicazioni dell’Anac, per la gestione delle strutture di accoglienza, procedendo con urgenza ad un piano chiaro volto alla chiusura dei grandi Cara, coacervo di criticità costanti, come a Crotone e a Mineo. Non abbiamo avuto le risposte delle quali ci sarebbe stato bisogno vista l’importanza dell’argomento trattato.



FONTE : Azzurra Cancelleri

LINK: http://www.azzurracancelleri.it/settimana-a-5-stelle-n-129/

Tutti i diritti sono degli autori indicati alla fonte

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *