Scegliere tra il peggio e il meno peggio, a chi conviene?
Scegliere tra il peggio e il meno peggio, a chi conviene?

Scegliere tra il peggio e il meno peggio, a chi conviene?

 

Da subito è parso chiaro a tutti che, per questo ballottaggio, il Movimento 5 Stelle Lissone sarà l’ago della bilancia: il 10% delle persone che ci hanno votato potrà fare la differenza.

Dalle parti del centro destra tutti staranno ringraziando la legge elettorale grazie alla quale, in caso di vittoria di Meroni, ci consegnerà un seggio in più (per un totale di due Consiglieri Comunali); sicuramente vedranno questa fortuna come un’opportunità per convincere le persone, che al primo turno ci hanno dato fiducia, e magari sperare in una nostra indicazione di voto. Ma se credono a questo stanno facendo un clamoroso errore: noi non daremo mai nessuna indicazione di voto per nessun candidatoChi ci vota è libero di fare quello che ritiene più opportuno e non barattiamo la nostra coerenza e credibilità in cambio di un consigliere in più: questi giochini non ci appartengono.

Il centro sinistra, capitanato dal Sindaco uscente Monguzzi, non potendo contare sul seggio in più per noi da usare come il centro destra, sicuramente starà guardando bene il nostro programma per trovare qualcosa in comune con il loro da sbandierare come fattibile con una collaborazione per i prossimi 5 anni; con collaborazione intendo un progetto condiviso:

nessuna alleanza. Il problema che la certezza di questa collaborazione per noi c’è solo fino al 25 Giugno, poi? Gli ultimi 5 anni sono stati la prova di tanto ascolto da parte della giunta Monguzzi ma poi si è sempre fermato tutto. Basti pensare ai nostri 64 emendamenti al bilancio approvati dai tecnici ma bocciati dalla politica: bilancio partecipativo approvato e mai attuato e il Parco Crisafulli mai intitolato.
Noi non guardiamo il colore di chi propone ma guardiamo i contenuti.
Insomma un bel dilemma.
Tutti che cercano di arrivare alle persone che ci votano usando questi sistemi da vecchia politica.
Le persone che ci danno fiducia e ci seguono sempre, leggono i nostri programmi e i nostri articoli e seguono gli interventi in Consiglio Comunale. Se pensate di fargli gola mostrando loro un Consigliere in più oppure cose che sulla carta sono in linea con il Movimento ma poi non trovano nessun riscontro reale, evidentemente ancora non siete in grado di capire come si parla per proposte e non per slogan.
Fate parlare i vostri programmi elettorali per convincere le persone perché con questi mezzucci di certo non risolverete il problema dell’astensionismo.

L’unica cosa che possiamo dire alle persone che andranno ai seggi Domenica 25 Giugno, quando saranno lì con la scheda in mano, è di non pensare al nostro consigliere in più oppure a eventuali punti in comune ma pensare a Lissone e poi fare una scelta.
Quindi cari elettori dovrete scegliere tra:
1) Il centrosinistra, con varie stampelle del Pd arrancante, con un programma simile al nostro che però negli ultimi 5 anni non ha attuato, considerandoci, anzi, come mosche fastidiose, bocciandoci ogni cosa e, a volte, insultandoci senza ritegno.
2) Il centrodestra, rappresentativo di tutto ciò che abbiamo combattuto, con valori opposti ai nostri (esaltazione del profitto personale, la città al servizio d’interessi di parte, il dilagare del mezzo privato e inquinante), persone dal passato ormai compromesso e dal presente discutibile, in particolare nei confronti di chi non la pensa come loro.

Noi continueremo con il nostro lavoro, in qualsiasi caso, partendo proprio da questi 22 impegni che proporremo ai due candidati sindaci.

  • Avviare il bilancio partecipativo entro 12 mesi
  • Dedicare un parco all’Ispettore Crisafulli entro 6 mesi
  • Esprimersi chiaramente per il NO alla Pedemontana ed impegnarsi in prima persona per fermare la costruzione di Pedemontana intervenendo presso gli enti competenti
  • Studio di fattibilità per portare la metropolitana a Lissone
  • Realizzazione di un’area pedonale estesa in centro
  • Organizzazione di numerosi eventi (almeno uno al mese), sia in centro che nei vari quartieri, per rendere Lissone una città viva
  • Azzerare il consumo di suolo nei prossimi 5 anni
  • Migliore gestione del verde; gestione oculata e adeguata delle potature applicando il regolamento del verde urbano ed affidando gli interventi di potatura ad arboricoltori certificati
  • Realizzazione di una rete di piste ciclabili (almeno 5 km)
  • Introduzione di un servizio scuolabus
  • Implementazione di un servizio di trasporto pubblico locale
  • Realizzazione di un polo tecnologico per portare lavoro a Lissone
  • Censimento degli immobili sfitti o non utilizzati sul territorio di Lissone 
  • Adozione della tariffa puntuale per la raccolta differenziata dei rifiuti
  • Riqualificazione del centro sportivo di via Cilea
  • Riqualificazione della zona di degrado nel quartiere LS1 venutasi a creare in seguito all’abbattimento delle “stecche”
  • Acqua pubblica: Affidamento della gestione del Sistema Idrico Integrato a una società pubblica e che abbia i requisiti
  • Riqualificare piazza Libertà introducendo elementi di arredo urbano che ne migliorino l’estetica
  • Risolvere il sovraffollamento delle classi scolastiche riducendo il numero di studenti per classe
  • Mettere in sicurezza le aree circostanti le scuole, per evitare situazioni di caos e parcheggio selvaggio in orario di entrata e uscita scolastica
  • Eseguire controlli riguardanti la sicurezza e l’igiene in ogni edificio scolastico e palestra del territorio
  • Salviamo l’oratorio san Luigi: non modificare la destinazione d’uso da pubblico a residenziale

Movimento 5 stelle Lissone



FONTE : Lissone 5 Stelle – Home

LINK: http://www.lissone5stelle.it/comunicati/564-scegliere-tra-il-peggio-e-il-meno-peggio-a-chi-conviene.html

Tutti i diritti sono degli autori indicati alla fonte