Renzi e Mor: il gatto e la volpe a Milano

Oggi vi parlo di Mattia Mor, già tra i “boys” di Simona Ventura a “Quelli che il calcio”, già tronista di “Uomini e Donne”, già concorrente del “Grande Fratello 10″…già candidato per il Partito Democratico nel collegio di Milano 3. Il mio.

Tralasciando le sue discutibili esperienze televisive e imprenditoriali, che ci dicono molto visto il buco di 2.2 milioni di euro di cui si sta occupando il Tribunale di Genova, ma che ci interessano poco, voglio concentrarmi sulla sua “ascesa” politica.
Ebbene, il nostro Mattia, nei mesi precedenti la presentazione delle liste per le Politiche, è stato protagonista di una campagna promozionale dedicata alla città di Milano.
O almeno così l’aveva spacciata. Pensate che, grazie al suo “amore incondizionato” per la città, ha convinto circa 130 personaggi del mondo dello spettacolo e dello sport a mettere la faccia su manifesti e su video sotto un hashtag tanto romantico quanto efficace: #HoSceltoMilano.

Tra i testimonial illustri vi sono Linus, Javier Zanetti, Santo Versace, Mara Maionchi, Peter Gomez, Moni Ovadia e il sindaco Beppe Sala.
La mossa dei “geni”, Mattia Mor e Matteo Renzi, si è manifestata al termine della campagna promozionale:
Mattia Mor candidato per il PD nella città di Milano.

Tralasciando la condivisibile furia del PD milanese che ha visto scavalcare tutti i suoi storici esponenti dal “boy”, d’altronde se accetti Renzi accetti pressoché tutto, l’aspetto agghiacciante della vicenda è quello di aver trasformato una campagna promozionale su Milano in una vera e propria campagna elettorale per il PD mediante testimonial a loro insaputa: applausi! chapeau!

Il segretario che “gira la ruota” adora queste evoluzioni e non ha potuto esimersi dal regalare al “tronista” una meritata candidatura.

Tramite la nostra consigliera comunale Patrizia Bedori, abbiamo presentato un’interrogazione con la quale chiediamo al sindaco Sala tutti i dettagli sul costo della campagna “Ho scelto Milano” (pare siano stati regalati spazi pubblicitari da parte del Comune), se Mor abbia avuto agevolazioni e se siano stati affidati incarichi a lui o a società a lui riconducibili.

Renzi e Mor hanno meritato questa “nomination”, a mani basse signori, vedremo se dovranno lasciare “la casa”, lo decideranno gli italiani. Il 4 marzo.



Tutti i diritti sono degli autori indicati alla fonte: : http://www.manliodistefano.it/renzi-e-mor-il-gatto-e-la-volpe-a-milano/

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

error: Contenuto Protetto !!!