PROGRAMMA DI GOVERNO #M5S: Telecomunicazioni – PER UN PAESE CONNESSO E INNOVATIVO

PROGRAMMA TELECOMUNICAZIONI MOVIMENTO 5 STELLE
PROGRAMMA PARZIALE 20.07.2017
MoVimento 5 stelle – Programma Telecomunicazioni_Parziale 20.07.17 2

PROGRAMMA TELECOMUNICAZIONI
Introduzione__________________________________________________________________________________ 3
Infrastruttura pubblica _____________________________________________________________________ 4
Cos’è la banda larga ____________________________________________________________________________4
Obiettivi europei _______________________________________________________________________________4
Situazione italiana______________________________________________________________________________4
Frequenze e 5G_______________________________________________________________________________ 6
Accesso a internet ___________________________________________________________________________ 8
Governance __________________________________________________________________________________10
Net Neutrality _______________________________________________________________________________11
Fintech _______________________________________________________________________________________12
RAI ____________________________________________________________________________________________14
Governance ___________________________________________________________________________________ 15
Finanziamento servizio pubblico ___________________________________________________________ 16MoVimento 5 stelle – Programma Telecomunicazioni_Parziale 20.07.17 3
INTRODUZIONE
L’intero comparto telecomunicazioni è fondamentale per la crescita del nostro Paese,
soprattutto in relazione alla Quarta rivoluzione industriale basata su internet delle cose, big
data, intelligenza artificiale e robotica. Oggi tutto è digitale e connesso, l’azione del prossimo
governo dovrà essere quella di mettere al centro innovazione, rete e digitale permettendo a
cittadini, imprese e Pubblica amministrazione di usare le nuove tecnologie.
L’Agenda digitale europea pone la banda larga come una delle sette iniziative chiave della
strategia Europa 2020, prevedendo tra i suoi obiettivi: banda larga di base per tutti entro il 2013
e accesso a reti di nuova generazione (velocità pari o superiori a 30Mbps) per tutti i cittadini
europei entro il 2020. In Italia gli interventi pubblici in passato hanno avuto forti limiti in quanto
sono state formulate esclusivamente delle proposte per l’elaborazione di una politica industriale
più efficiente e coordinata in un settore centrale per lo sviluppo economico, sociale e culturale
del Paese. Il problema, però, è più complesso, perché riguarda anche una domanda inadeguata e
non al passo con i tempi: da qui, la necessità di elaborare politiche pubbliche volte ad
incrementare la stessa avviando campagne specifiche di alfabetizzazione al digitale,
riconoscendo tale aspetto come la principale criticità strutturale allo sviluppo del settore, ma
affermando, al contempo, come le condizioni attuali della domanda non possano rappresentare
un alibi per un approccio timido nei confronti degli investimenti nelle nuove reti.
Stiamo entrando in un nuova fase legata al concetto di accesso. L’era dell’accesso prevede il
passaggio da un’economia dominata dal mercato e da concetti di bene e proprietà, verso
un’economia dominata da valori come la cultura, l’informazione, relazioni e collaborazione.
Informazione che soprattutto il servizio pubblico deve dare in maniera precisa e puntuale a tutti
i cittadini italiani. Per questo abbiamo deciso di intervenire su due aspetti importanti: la
governance e il finanziamento, stabilendo dei principi base che permettano alla Rai di essere
davvero indipendente. MoVimento 5 stelle – Programma Telecomunicazioni_Parziale 20.07.17 4
INFRASTRUTTURA PUBBLICA
Che cos’è la banda larga/ultralarga?
Banda larga: connessione a internet fissa o mobile con velocità superiore ai 2 Mbit/s e fino a
qualche decina di Mbit/s (ADSL e 3G); Banda ultra larga: connessioni con velocità tipicamente
dai 30-40 Mbit/s in su (le reti di nuova generazione sia fisse che mobili come 4G, 5G e loro
evoluzioni).
Obiettivi europei
Uno degli obiettivi stabiliti dall’Unione Europea è quello di assicurare la diffusione capillare e
l’accesso dei cittadini a Internet ad altissima velocità offrendo entro il 2020 l’accesso a internet a
velocità pari o superiori a 30Mbit/s per tutti i cittadini europei e lavorare affinché, entro la
stessa data, almeno il 50% delle famiglie sia abbonata ad internet con connessioni oltre i 100
Mbit/s. Nel Regno Unito, per raggiungere un obiettivo analogo, la rete di proprietà di British
Telecom è stata scorporata dall’operatore storico, ed è confluita in una società pubblica,
chiamata Open Reach, che opera anche nelle zone a fallimento di mercato, ovvero dove il puro
ritorno economico non giustificherebbe investimenti privati.
Situazione italiana e che cosa ha fatto il Governo (piano banda
larga/ultralarga)
Il 3 marzo 2015 il Governo italiano ha approvato la Strategia Italiana per la banda ultralarga, con
la quale s’intende coprire, entro il 2020, l’85% della popolazione con infrastrutture di rete in
grado di veicolare servizi a velocità pari e superiori a 100Mbit/s garantendo al contempo al
100% dei cittadini l’accesso alla rete internet ad almeno 30Mbit/s. Allo scopo di raggiungere tali
obiettivi, il piano nazionale per la banda ultralarga si poggia su un mix di investimenti pubblici e
privati; in particolare, si prevede l’investimento di circa 7 miliardi di euro di risorse pubbliche
entro il 2020, che dovrebbe comportare l’impegno di un importo simile da parte degli operatori MoVimento 5 stelle – Programma Telecomunicazioni_Parziale 20.07.17 5
privati.
In Italia, da quando Telecom Italia è stata “privatizzata”, quasi tutta la rete è privata, quindi, di
proprietà dei vari operatori, quali Vodafone, Fastweb, Tim e altri. Diciamo “quasi” perché non è
possibile conoscere con precisione il dato relativo alla proprietà. Non si sa con esattezza quanta
fibra o rame presente in Italia sia di proprietà privata e quanta di proprietà pubblica neanche,
addirittura, quanta infrastruttura spenta ma già posata ci sia! Proprio per questa ragione
presentammo un emendamento per realizzare un catasto delle infrastrutture di
telecomunicazione, progetto che il Governo sta realizzando proprio in questi mesi.
Il Governo italiano, per rispondere ai dettami dell’Europa ha lanciato un piano per la banda
ultralarga dividendo l’Italia in zone. Di particolare interesse è la zona a fallimento di mercato,
una somma di aree per la quali solo l’intervento pubblico può garantire alla popolazione
residente un servizio di connettività a più di 30 Mbps. Parliamo di circa 19 milioni di persone,
5.500 comuni per un investimento pari a oltre 4 miliardi. Per raggiungere questo scopo, a dic è
stata creata una nuova azienda: a dicembre Enel e Cassa Depositi hanno acquistato Metroweb ed
è nata OpEn Fiber, in cui sono soci al 50 per cento appunto CDP (entità pubblica) e Enel (nel cui
capitale il 22% è di proprietà del Governo).
OpEn Fiber, in pratica, sta partecipando e parteciperà ai bandi per portare la fibra in queste aree
a fallimento di mercato, ma sarà un operatore wholesale (all’ingrosso, per capirci), in pratica
offrirà l’accesso solo agli operatori di mercato interessati (tiscali, vodafone, wind ecc.) che
saranno coloro che rivenderanno il servizio al cliente finale.
Punto programmatico
Il MoVimento 5 Stelle vuole una gestione ed una infrastruttura di rete a maggioranza pubblica.
Considerati gli ingenti investimenti fatti tramite bandi Infratel vinti quasi tutti da OpEn Fiber,
vogliamo rendere questa società a maggioranza pubblica creando le condizioni per unire i
maggiori soggetti in un’unica infrastruttura.
La privatizzazione di Telecom Italia fatta dai precedenti Governi è stata gestita in maniera
scorretta in quanto andava precedentemente praticato uno scorporo tra infrastruttura e servizi,
invece abbiamo svenduto ed indebitato uno degli asset strategici del nostro paese, pagato con il
sacrificio degli italiani.
Ora è arrivato il momento di rimediare a questi errori del passato e promuovere un’unione tra la
futura OpEn Fiber pubblica e la principale infrastruttura di rete del nostro Paese.MoVimento 5 stelle – Programma Telecomunicazioni_Parziale 20.07.17 6
Tale infrastruttura è essenziale per lo sviluppo reale dell’Italia ed è l’unica opzione per garantire
standard di sicurezza elevati. Tutti gli investimenti infrastrutturali degli ultimi anni, dovranno
fornirci una rete che duri nel tempo, in quanto i dati storici ci dicono che la richiesta di banda
aumenta 10 volte ogni sette anni. Questo aspetto spinge verso il superamento della rete in rame
(100 Mbps simmetrici) e verso la costituzione di un soggetto che fa la rete ma non offre i servizi
(non verticalmente integrato).MoVimento 5 stelle – Programma Telecomunicazioni_Parziale 20.07.17 7
FREQUENZE E 5G
Con il passaggio al digitale terrestre iniziato in Italia a partire dal 2008, è avvenuta una prima
fase di liberazione delle frequenze, grazie alla compressione dei dati che ha consentito la
liberazione di spazio sulla banda, riallocabile per nuovi canali radiotelevisivi e a favore della
tecnologia LTE e 4G.
In Italia la maggior piattaforma per la distribuzione televisiva è la tv digitale terrestre,
attualmente presente nella banda 700 MHz. Questo ci differenzia da altri Paesi europei dove
esiste maggiore equilibrio tra satellite, cavo ed etere. Il nostro è anche il Paese delle televisioni
locali: uno studio economico del settore televisivo privato, redatto dall’ufficio Studi e Ricerche di
Confidustria Radio-Tv nell’ambito dell’Osservatorio nazionale delle imprese radiotelevisive
private, conta un perimetro di 428 società televisive locali (pari a circa 2.140 emittenti –
marchi), ma è riferito alle sole emittenti commerciali strutturate in società di capitali.
In questo contesto sterminato di televisioni private e di larghissimo utilizzo del digitale
terrestre, si inserisce la nuova tecnologia 5G. Il 5G è il termine utilizzato per riferirsi alla
prossima (quinta) generazione di tecnologia delle telecomunicazioni mobili. Sebbene il 4G sia
ancora in fase di attuazione, si sta già lavorando per definire il suo successore (5G), la cui
implementazione è attesa a partire dal 2020. Secondo quanto previsto dagli esperti il 5G
dovrebbe integrare nuove reti di accesso radio senza interruzioni. Dovrebbe anche consentire a
miliardi di utenti e oggetti intelligenti (elettrodomestici, macchine elettroniche, etc) di
approdare nell’Internet of Things, ovvero l’internet delle cose, e di connettersi alle reti. Il 5G
permetterà anche di trasmettere quantità notevolmente superiori di dati in tempi ridottissimi,
così come di offrire supporto per maggiori densità di dispositivi, garantendo ovunque
trasmissioni sicure ed affidabili. Un’altra caratteristica del 5G sarà quella di ridurre il costo per
unità dei dati trasmessi.
Secondo la Commissione europea “la disponibilità della banda 700 prima del 2020 è
indispensabile per la buona riuscita del 5G”. In Europa si è deciso che tale passaggio sarebbe
avvenuto nel 2020, dando all’Italia due anni in più di tolleranza a causa della complessità del
sistema, del gran numero di canali tv e soprattutto delle interferenze di frequenze con i Paesi
confinanti.MoVimento 5 stelle – Programma Telecomunicazioni_Parziale 20.07.17 8
Tra le priorità per consentire lo sviluppo dell’Internet delle cose e far funzionare i servizi 5G c’è
la necessità, come ricordato anche dalla Commissione europea, di liberare la cosiddetta banda di
frequenze 700 MHz. Circa un terzo di quella oggi utilizzata per le trasmissioni televisive, dovrà
passare dalla tv alle telecomunicazioni mobili in modalità 5G. Dopo la cessione della banda 700
MHz resterebbero in piedi solo 14 multiplex nazionali a fornire il servizio digitale terrestre (oggi
i multiplex nazionali sono 19 e almeno 10 sono locali). Alcuni diritti d’uso di queste frequenze
però, hanno durata fino al 2032 e quindi, se liberate, dovrebbero avere un indennizzo o
una nuova collocazione.
Punto programmatico
L’Europa ci chiede semplicemente di liberare la banda 700, ma non ci dice né come
farlo né come risolvere la situazione delle tv locali e nazionali: tale decisione
spetterà al Governo. L’obiettivo del MoVimento 5 Stelle sarà quello di ottimizzare le
risorse assegnate all’emittenza locale e nazionale tramite adozione di soluzioni
tecniche, con un nuovo sistema di compressione video MPEG4, maggiormente
efficiente, in luogo dell’attuale MPEG2. Per esempio in Francia hanno deciso di passare
alle trasmissioni in standard DVB-T codificate in MPEG4 invece del classico MPEG2, che
tradotto vuol dire che i francesi non dovranno cambiare né decoder né tv, dato che la
compatibilità è intorno al 90%. Questa soluzione lascerebbe essenzialmente tutto com’è
adesso, liberando la capacità necessaria per il 5G, lasciando le tv al loro posto e non
incidendo in nessun modo sugli utenti finali. MoVimento 5 stelle – Programma Telecomunicazioni_Parziale 20.07.17 9
ACCESSO AD INTERNET
Internet oggi è il principale motore di sviluppo economico e progresso sociale in tutti i
paesi del Mondo, per cui considerarlo uno dei vari media è riduttivo, essendo divenuta la
rete una dimensione essenziale per il presente e il futuro delle nostre società. A tal
proposito le Istituzioni hanno il dovere di promuovere e accompagnare l’armonico
sviluppo di Internet e del suo utilizzo. Su 28 Paesi dell’Ue, l’Italia è al 25° posto
dell’indice europeo di digitalizzazione (Desi), dove il servizio universale garantito per
legge è fermo al doppino di rame collegato al modem. Anche il rapporto redatto da
Akamai lo dimostra: la velocità media di connessione tricolore si attesta sugli 8,7
Megabit, un dato in crescita rispetto agli 8,2 del trimestre precedente, ma non sufficiente
ad evitare un ulteriore scivolone in classifica del nostro Paese, che scende al 58esimo
posto a livello mondiale e si mantiene al 28esimo nella classifica Emea (Europa,
Medio Oriente e Africa).
Inoltre la percentuale di coloro che effettivamente si connettono alla rete e la utilizzano
in qualunque modo in Italia è molto bassa. Basti pensare che nel 29% delle abitazioni
non è stata attivata una connessione, pur essendocene la possibilità, e che oltre 1/3
degli italiani non usa in alcun modo il web secondo dati Agcom. Questi indicatori
fanno ben comprendere come esistano fasce della popolazione italiana che incontrano
ostacoli in primo luogo culturali e sociali ma anche economici, che occorre
sollecitamente rimuovere se si intende raggiungere l’obiettivo di una società realmente
connessa, nella quale possano essere veicolati attraverso la rete tutti i servizi, a partire
da quelli della pubblica amministrazione, senza creare ingiuste diseguaglianze tra coloro
che hanno accesso alla rete e coloro che non sono in grado di farlo per un perdurante
deficit di conoscenza e formazione, prima ancora che di opportunità economiche.
Potrebbero essere intraprese maggiori azioni volte a sostenere economicamente i
soggetti più deboli che non possiedono un computer o non se lo possono permettere,
tramite deduzioni fiscali o vantaggi. Contemporaneamente si potrebbe avvantaggiare MoVimento 5 stelle – Programma Telecomunicazioni_Parziale 20.07.17 10
l’accesso ad internet negli spazi pubblici premiando le amministrazioni locali che
forniscono un servizio ulteriore ai propri cittadini.
Infine è importantissimo affrontare il cosiddetto divario culturale. Secondo una delle
ultime indagine conoscitive dell’Agcom, tra le più importanti cause del ridotto livello di
utilizzo di Internet, infatti, figurano l’assenza di competenza informatica (45%) ed
una generale mancanza di interesse verso i servizi fruibili (63,1%). Sembra incredibile
che avvenga tutto ciò in un mondo iperconnesso e legato sempre più alle nuove
tecnologie, ma la mancanza di competenze digitali è molto evidente in diversi strati della
popolazione, non solo tra chi ha un basso titolo di studio o tra gli over 65. A dimostrarlo
basti pensare che in UK l’83% dei cittadini ha fatto almeno 1 acquisto online negli ultimi
12 mesi, da noi meno di 1 su 3 compra su internet secondo l’ultima ricerca del Centro
studi ImpresaLavoro. Una delle ragioni è la mancanza di fiducia nei sistemi di
pagamento online, un fenomeno tutto italiano. Infatti secondo Eurostat soltanto un
italiano su 10 ha fatto acquisti in rete negli ultimi 3 mesi, percentuale che più o meno
corrisponde alle persone che possiedono competenze informatiche. La mancanza di
competenze digitali coinvolge anche il mondo del lavoro e delle imprese. Secondo
un’analisi di Randstand, il 90% dei dipendenti italiani ritiene infatti che tutte le aziende
dovrebbero sviluppare una strategia digitale, ma a loro dire solo il 30% delle imprese
dispone di personale adeguato.
Punto programmatico
In via priorita, andrà risolto il divario infrastrutturale. Sembra assurdo, ma in Italia
non esiste un censimento completo di tutte le reti di comunicazione elettronica esistenti
(wireline, wireless e satellite, cavidotti, mini-trincee, sopra suolo, aeree e altro). Tale
previsione è stata introdotta con un emendamento del MoVimento 5 Stelle nel 2014
che permetterà, una volta completato il catasto, di velocizzare lo sviluppo delle reti a MoVimento 5 stelle – Programma Telecomunicazioni_Parziale 20.07.17 11
banda ultralarga e risparmiare sui costi di posa della fibra. Quando sarà possibile avere
un quadro generale sia delle reti spente e sia di tutte quelle di proprietà pubblica, si
potranno intraprendere da parte del Governo una serie di azioni affinché possa essere
garantito a tutti un accesso alla rete ad una velocità adeguata.
In seconda battuta, va risolto il divario economico: le amministrazioni devono essere
incentivate ad intraprendere delle politiche per evitare l’esclusione di queste categorie,
come ad esempio sta avvenendo a Roma, dove sono stati realizzati dei Punti “Roma
Facile”, spazi assistiti per la diffusione, promozione e sensibilizzazione alla cultura
digitale e per il supporto all’uso delle tecnologie con l’obiettivo di sviluppare in modo
diffuso, continuativo e sostenibile l’inclusione e la competenza digitale dei cittadini.
Infine andrà inserito nel sistema scolastico il dovere di educare all’uso e alla
consapevolezza della rete, oltre che ad una generale campagna di sensibilizzazione ed
informazione sul mondo digitale.
Nessuno deve rimanere indietro, nemmeno sull’utilizzo di Internet!MoVimento 5 stelle – Programma Telecomunicazioni_Parziale 20.07.17 12
GOVERNANCE
La Governance legata all’innovazione e al digitale in Italia negli ultimi anni è stata molto
frammentata. Esisteva un Ministero delle comunicazioni che si occupava dei servizi di
telecomunicazione, telefonia e informazione giornalistica. L’ultimo Ministro delle Comunicazioni
è stato Paolo Gentiloni, mentre a partire dall 2008, il dicastero è stato accorpato al Mise
(Sviluppo Economico). Nel corso degli anni, tutto ciò non ha portato ad una semplificazione, ma
addirittura ad un peggioramento della catena di comando e dell’organizzazione.
Non avendo un Ministero ad hoc, ma solo un sottosegretario con delega alle telecomunicazioni, il
comparto del digitale e dell’innovazione è gestito in varie forme da varie autorità. Esiste l’Agid,
istituita con il Governo Monti, un commissario straordinario all’innovazione sotto la
Presidenza del Consiglio, nominato dal Governo Renzi che cerca di sopperire le mancanze di
organico e di competenze dell’Agenzia, alcuni importanti compiti sono gestiti dall’Agcom,
l’autorità indipendente che si occupa di telecomunicazioni, ed infine altri incarichi sono in mano
a funzionari direttamente sotto la Presidenza del Consiglio dei Ministri e al Ministero per la
Semplificazione e la Pubblica Amministrazione.
Spesso tutte queste strutture non parlano tra loro.
Anche in Parlamento la materia è frastagliata tra tante commissioni: basti pensare che la
competenza è della Commissione Trasporti alla Camera e della Commissione Lavori pubblici al
Senato.
Punto programmatico
E’ necessaria una nuova strategia e un’unica cabina di regia per cui è importante istituire un
nuovo soggetto nel prossimo Governo che semplifichi la governance digitale. Parlare di Internet,
eGov e digitale, significa disegnare il futuro del nostro Paese: coordinamento e visione di insieme
sono oltremodo necessarie e non possono essere lasciate sparse ad una moltitudine di soggetti.MoVimento 5 stelle – Programma Telecomunicazioni_Parziale 20.07.17 13
NET NEUTRALITY
Con neutralità della rete si intende il principio in base al quale tutto il traffico internet riceve lo
stesso trattamento, senza discriminazioni, restrizioni o interferenze, indipendentemente dalla
fonte, dalla destinazione, dal tipo, dai contenuti, dal dispositivo, dal servizio o dall’applicazione.
La “net neutrality” è un prerequisito necessario e indispensabile per la libertà d’espressione,
sancita dall’articolo 10 della Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e
delle libertà fondamentali. Collegare il diritto di accesso ad Internet al principio di neutralità
della Rete garantisce condizioni di effettiva uguaglianza anche online. È questo l’intento del
regolamento UE da poco in vigore. L’art. 3 afferma che gli utenti finali abbiano il diritto di
accedere a informazioni e contenuti tramite il servizio di accesso a Internet. Ciò è avvenuto
nonostante le telco europee da dieci anni spingano per ottenere mano libera per sfruttare la loro
rete come uno strumento per aumentare le rendite contro i consumatori e gli innovatori. Le
global corporation della comunicazione hanno ormai assunto poteri che sono di gran lunga
superiori a quelli di singoli Stati nazione. L’informazione e la comunicazione sono consumate e
monetizzate: esse rappresentano un bene/servizio da vendere pronto per essere consumato.
Viviamo nella cosiddetta società dell’informazione e l’esercizio ed il godimento della libertà di
espressione da parte dei singoli, incluso il diritto ricevere o di comunicare informazioni, nonché
la loro partecipazione alla vita democratica sono sempre maggiormente dipendenti
dall’accessibilità e qualità della connessione ad Internet.
Punto programmatico
In linea con quanto previsto dalla raccomandazione del Consiglio d’Europa (link),
bisogna continuare a seguire una serie di linee guida sulla neutralità della rete. A
cominciare dall’affermazione, fatta a chiare lettere, secondo cui il traffico Internet deve
essere trattato in condizioni di uguaglianza, senza discriminazione, restrizione o
interferenza, indipendentemente dal mittente, dal destinatario, dal contenuto,
dall’applicazione, dal servizio o dal dispositivo.
Inoltre, che le misure di gestione del traffico Internet devono rispettare i principi di
“necessarietà” e proporzionalità, devono essere non discriminatorie, trasparenti e
mantenute per il solo tempo necessario a raggiungere l’obiettivo desiderato. I MoVimento 5 stelle – Programma Telecomunicazioni_Parziale 20.07.17 14
trattamenti preferenziali riguardanti il traffico possono essere consentiti, invece, solo se
vi sono sufficienti salvaguardie a tutela della possibilità per gli utenti di accedere, usare
e fornire informazioni. MoVimento 5 stelle – Programma Telecomunicazioni_Parziale 20.07.17 15
FINTECH
Con il termine Fintech ci si riferisce in via di prima approssimazione all’applicazione delle
tecnologie dell’informazione ai servizi bancari e finanziari. Questo fenomeno che si sta
imponendo sulla scena globale negli ultimi anni ha portato a significative modifiche nel rapporto
delle banche e degli intermediari finanziari con la propria clientela abilitando un contatto più
diretto e immediato attraverso la rete. Accanto alla mera digitalizzazione dei servizi offerti il
Fintech ha abilitato e sta abilitando nuovi modelli di business in particolare attraverso l’azione di
numerose startup che ogni giorno lanciano servizi idonei ad avvicinare un numero sempre
crescente di consumatori al mondo bancario e finanziario (c.d. financial inclusion). Tra i
fenomeni più interessanti vi sono senza dubbio le criptovalute e quindi bitcoin e blockchain
tecnologie in grado di rivoluzionare il mondo dei servizi finanziari e non solo, i robo-advisor
che applicano l’intelligenza artificiale al mondo della consulenza finanziaria, il crowdfunding
che attraverso piattaforme online consente a startup e non solo di raccogliere capitali in maniera
diffusa e svincolata dal tradizionale mondo bancario. Il Fintech nella fase attuale vede sullo
sfondo i big player della rete i c.d. GAFA che si stanno attrezzando al fine di fornire servizi
bancari e finanziari sfruttando al meglio i vantaggi competitivi derivanti da un utilizzo massimo
dei big data che consentono a tali soggetti di conoscere tutto o quasi delle abitudini anche di
consumo di milioni di persone. Questo fenomeno sta iniziando ad interessare anche i regolatori
al di qua e al di là dell’oceano.
Sotto questo profilo appare rilevante come la Commissione europea nel marzo di quest’anno ha
lanciato, una consultazione pubblica incentrata sulle seguenti questioni:
come incrementare l’accesso per consumatori e imprese ai servizi finanziari;
come abbassare i costi operativi ed aumentare l’efficienza dei servizi;
come rendere il mercato unico più competitivo rimuovendo o attenuando le barriere
all’ingresso; come trovare un bilanciamento tra circolazione dei dati, trasparenza, sicurezza e
privacy.
Secondo la Commissione europea una regolamentazione del fenomeno Fintech deve
rappresentare l’applicazione dei principi di policy che seguono: 1) neutralità tecnologica – in
modo da applicare le stesse regole a servizi simmetrici; 2) proporzionalità e 3) trasparenza a
beneficio di consumatori e imprese.MoVimento 5 stelle – Programma Telecomunicazioni_Parziale 20.07.17 16
Anche sul fronte italiano il Fintech sta iniziando ad interessare i regolatori. Da ultimo il
governatore della Banca d’Italia Visco ha avuto modo di osservare come “[…] appena un terzo
degli intermediari italiani ha avviato progetti per sfruttare i big data interni e organizzare le
informazioni sulle abitudini e le richieste potenziali della clientela. Il principale ostacolo è
costituito dall’insufficiente disponibilità di risorse tecnologiche, umane e finanziarie; andrà
superato per garantire la competitività della nostra industria finanziaria e la sua capacità di
generare valore per l’economia italiana” dimostrando se ve fosse bisogno come alle nostre
latitudini vi sia ancora molta strada da fare.ù
Punto programmatico
Come MoVimento 5 Stelle pensiamo che non solo non si debba avere un atteggiamento
pregiudiziale verso l’irrompere delle nuove tecnologie in settori tradizionali come il mondo
bancario e finanziario ma anzi occorra favorire lo sviluppo di tali fenomeni quando gli stessi
consentono di democratizzare il mondo del credito e favorire, sotto questo profilo,
l’inclusione finanziaria. Favorire tali fenomeni non significa però lasciare campo libero agli
operatori e allora la via maestra da seguire passa dapprima da una conoscenza approfondita del
mondo che sta cambiando per poi approntare una regolamentazione, anche minima, del Fintech
a tutela degli interessi incisi e quindi primariamente degli interessi dei consumatori, come
peraltro sottolineato dalla stessa Commissione UE. Occorre a nostro avviso quindi partire anche
in Italia con l’acquisizione di una maggiore consapevolezza sul fenomeno a tutti i livelli (dalle
autorità di regolamentazione al Parlamento) per poi regolare il fenomeno pensando a regole
“amiche” dell’innovazione che sappiamo al contempo tutelare efficacemente i consumatori che
utilizzano e utilizzeranno in maniera sempre crescente tali servizi.MoVimento 5 stelle – Programma Telecomunicazioni_Parziale 20.07.17 17
RAI
La televisione come l’abbiamo conosciuta fino a oggi sta cedendo il posto a nuovi modi di
fruizione dei contenuti audiovisivi attraverso la connessione a internet e l’utilizzo della banda
larga. Si sta delineando un nuovo ecosistema digitale in cui i broadcaster tradizionali
ridisegnano la propria offerta riposizionandola rispetto ai nuovi attori del mercato – i cosiddetti
operatori non lineari o over-the-top – che veicolano con la rete contenuti on demand, a prezzi
competitivi. Un fenomeno che sta avendo come conseguenza a livello globale la tendenza a far
integrare broadcaster e operatori telefonici.
Ma con il tramonto della tv tradizionale, si modifica anche la natura del pubblico televisivo.
Infatti, con il palinsesto che cede il passo alla personalizzazione dei contenuti, non esiste più il
pubblico, ma una varietà di pubblici che, a seconda delle esigenze, usano diversi media e
costruiscono il proprio palinsesto. L’on demand, così, attira nuovi segmenti di mercato puntando
sulla qualità dei contenuti e l’esclusività degli eventi.
È come se si stessero cristallizzando due universi di pubblico: coloro che possono permettersi
l’accesso a quei contenuti e coloro che, al contrario, devono accontentarsi della programmazione
generalista, sempre più scadente. Un divario, anche generazionale, che pone quindi un problema
di uguaglianza e universalità nell’accesso ai contenuti di qualità.
In un mercato che evolve in questa direzione, sembra allora dovere del servizio pubblico
adoperarsi per colmare quel divario. Come? Facendosi esso stesso distributore/produttore di
contenuti pregiati, sperimentatore di formati e linguaggi nuovi, incubatore di progetti innovativi
coerenti con il nuovo ecosistema dei media e promuovendo l’alfabetizzazione digitale e
legittimandosi davvero come servizio pubblico multimediale, come la legge oggi lo definisce.
Occorrerebbe, dunque, un radicale ripensamento dell’assetto organizzativo e industriale della
Rai. Come si può parlare ai cosiddetti Millennials se non si hanno al proprio interno le risorse in
grado di ripensare il linguaggio e dei contenuti appositamente pensati per il web, fuoriuscendo
dalla logica per cui il web deve servire semplicemente ad alimentare i programmi della vecchia
tv generalista?
Un’altra logica da cui il servizio pubblico deve rifuggire è quella degli ascolti intesi come unico
parametro di valutazione del proprio operato. L’attenzione deve essere rivolta al capitale
culturale che si produce per la collettività e che può essere esportato. Se esistono più pubblici
occorre diversificare l’offerta sui diversi media, ponendosi l’obiettivo di innovare linguaggio e
contenuti. E ragionando sempre in termini di inclusione sociale, dalla piena accessibilità della MoVimento 5 stelle – Programma Telecomunicazioni_Parziale 20.07.17 18
programmazione alle persone con disabilità a una programmazione intelligente rivolta ai
minori. Significa sposare una logica di vero servizio pubblico, inteso come bene comune. In
questa direzione lo Stato – attraverso la Rai – potrebbe valorizzare le proprie risorse partendo
dal racconto e la ricerca sul territorio attraverso le sedi regionali, la valorizzazione delle
produzioni locali e dei beni culturali.
A qualsiasi servizio pubblico è, inoltre, richiesto di elevare, soprattutto attraverso
l’informazione, il senso critico del Paese. Ma che tipo di informazione? La domanda nasce dalla
constatazione che il monopolio informativo dei broadcaster tradizionali è finito. La rete ha
introdotto nuove dinamiche nel settore. È quindi mutata la funzione stessa dell’informazione
televisiva, che trova oggi senso solo se si fa approfondimento, ragionamento critico, contributo
alla comprensione dei fenomeni.
Nell’era della comunicazione globale e dell’informatizzazione, il servizio pubblico può svolgere
per il cittadino un ruolo fondamentale di interpretazione delle tendenze in atto nella società. Ma
non solo.
In un’epoca segnata dalle grandi concentrazioni nel settore dei media e della stampa, il rischio è
avere un’informazione la cui funzione è la legittimazione di élites e gruppi d’interesse, e non al
servizio della collettività. In un simile contesto è ancor più importante la presenza di un soggetto
super partes, capace di fornire garanzie in termini di affidabilità delle notizie e di controllo
dell’operato dei poteri pubblici.
Dobbiamo quindi chiederci quanto di tutto questo il servizio pubblico è oggi in grado di offrire. E
se la programmazione della Rai è riconoscibile come programmazione di servizio pubblico,
ovvero se essa ha una chiara e specifica identità di bene pubblico che la differenzia
oggettivamente dai competitori privati.
In questo ragionamento occorre provare a separare l’essere dal dover essere. Perché le carenze
della Rai di oggi non devono indurre a considerare obsoleto il concetto di servizio pubblico, che
può ancora svolgere una funzione molto rilevante in una democrazia.
Se vogliamo assegnare al servizio pubblico quelle funzioni che ne definiscono la natura di bene
collettivo resta soltanto una carta da giocare: l’indipendenza dall’organo politico.
E per essere indipendente non può più essere governata con le leggi che si succedono da decenni
caratterizzate tutte da un ruolo centrale dei partiti politici nel consiglio di amministrazione
dell’azienda. Da ultimo la riforma di Renzi è riuscita nell’impresa di peggiorare l’esistente
rendendo la Rai non solo il terreno di spartizione dei partiti, ma prima di tutto il feudo del
Governo. Una riforma che rappresenta esattamente l’opposto di ciò che deve essere il servizio MoVimento 5 stelle – Programma Telecomunicazioni_Parziale 20.07.17 19
pubblico in una democrazia, e che ha fatto precipitare l’Italia al livello delle peggiori legislazioni
europee in materia.
In un Paese normale per spezzare il cordone ombelicale tra Rai e politica non ci sarebbe bisogno
di una legge, sarebbe sufficiente la cultura delle istituzioni e dei beni pubblici. Non essendo
tuttavia ancora maturata questa cultura politica nel Paese, occorre intervenire sul piano
legislativo per modificare le modalità di scelta degli amministratori della società concessionaria
del servizio pubblico radiotelevisivo.
Altro punto da tener presente quando si parla di servizio pubblico è il suo finanziamento. In
Italia vige un sistema “ibrido”, per questo abbiamo strutturato una proposta che permetta di
restare ancorati alla missione di servizio pubblico, circoscrivendo la pubblicità a un solo canale e
prevedendo determinati vincoli.
Governance della Rai
Rispetto alla governance proponiamo un modello con avviso pubblico, sorteggio e parere
parlamentare. Prevede un avviso pubblico predisposto dall’Agcom (a sua volta riformata) per
sollecitare le candidature alla carica di membro del CdA Rai, suddiviso per aree di competenza. I
candidati devono possedere precisi requisiti positivi (elevate competenze) e negativi (non aver
ricoperto nessuna carica politica nei 7 anni precedenti), inoltre devono presentare un elaborato
strategico sulla propria visione del servizio pubblico. Raccolte le candidature, l’Agcom pubblica
l’elenco dei candidati in possesso dei requisiti e sorteggia i nominativi. I candidati sorteggiati
vengono ascoltati in un’audizione pubblica dalle commissioni parlamentari competenti, che a
maggioranza dei 2/3 possono esprimere un parere sfavorevole nei confronti del soggetto audìto
e chiedere all’Agcom il sorteggio di un nuovo nominativo. Con questo modello i consiglieri di
amministrazione saranno del tutto sganciati dalla politica e dotati di competenze molto elevate e
diversificate. La procedura lascia al Parlamento soltanto un potere di veto, esercitabile al
termine di un’audizione pubblica, a maggioranza dei 2/3, a fronte di una oggettiva inidoneità del
candidato sorteggiato.MoVimento 5 stelle – Programma Telecomunicazioni_Parziale 20.07.17 20
Finanziamento del Servizio pubblico
Il modello scelto è quello del contributo pubblico più un solo canale con pubblicità e con vincolo
di destinazione degli introiti pubblicitari esclusivamente ai contenuti del canale e/o a iniziative e
attività previamente individuate. Si tratta di una soluzione in certa misura assimilabile al
modello britannico di servizio pubblico, formato – come s’è detto in premessa – da un’emittente
finanziata interamente con il canone e da un’altra finanziata con la pubblicità, ma con precisi
obblighi di servizio pubblico sia in termini di programmazione sia in termini di investimenti.

Questa pagina e’ qui servita solo allo scopo di migliorare l’accesso all’informazione.
Per il programma ufficiale del governo #m5S, si prega di fare riferimento a: http://www.movimento5stelle.it/programma/

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi