Non voglio avere rimpianti
Non voglio avere rimpianti

Non voglio avere rimpianti

C’è solo un modo per celebrare davvero i passaggi più importanti della nostra storia: fare del nostro meglio per il nostro Paese.
Oggi celebriamo la nascita della Repubblica Italiana che superò la Monarchia col referendum istituzionale del 1946.
In questi 71 anni ognuno di noi ha contribuito a rendere il nostro Paese ciò che è, nel bene e nel male. Inutile prendersela con chi “comanda” perché siamo sempre noi cittadini a sviluppare e sostenere le dinamiche socio-politiche nazionali con la nostra azione diretta o col nostro voto.
E allora oggi godetevi questo ponte ma da domani ognuno si faccia sindaco dei suoi 10 metri quadrati di Paese, si prenda responsabilità che pensa spettino alla politica, sia attivo e partecipe, solo così cambieremo tutto.
La sinergia tra politica e società è l’unica via per accelerare il cambiamento: stesso obiettivo perseguito con percorsi differenti.
Per questo dopo anni di lotte sociali sto usando ogni attimo della mia esperienza parlamentare per cambiare qualcosa, per indirizzare positivamente ogni processo che merita attenzione. Sono stanco? Certo. Non ho un giorno libero da 4 anni. Oggi è il 2 giugno e sarebbe bello godermi la mia famiglia invece di essere a Parigi per parlare di immigrazione al Consiglio d’Europa prima di andare in Sicilia a sostenere i nostri candidati sindaco, ma ho fatto una scelta di vita e quando finirò non voglio avere rimpianti.
Volete un futuro migliore? Fatelo anche voi, datevi questo obiettivo: nessun rimpianto.
BUON 2 GIUGNO A TUTTI



Tutti i diritti sono degli autori indicati alla fonte: : http://www.manliodistefano.it/non-voglio-avere-rimpianti/