Milano sta già soffocando

di Lombardia 5 Stelle

E come ogni autunno, puntuale come un orologio svizzero, Milano brucia i 35 giorni di bonus concessi dall’Unione Europea per lo sforamento dei limiti di Pm10, che in questi giorni sono andati alle stelle.

Ora, non serve un genio, o il Movimento 5 Stelle, per capire che il Protocollo Aria di Regione Lombardia continua a dimostrarsi fallimentare, e che servono misure strutturali e non soluzioni in emergenza, come il blocco del traffico, utile soprattutto a mettere in difficoltà i piccoli commercianti.

Possiamo fare tutti i piani aria che vogliamo, ma fino a quando non si investirà realmente sul trasporto pubblico locale, la situazione non cambierà.

Nel ventennio Formigoni-Maroni si sono costruiti chilometri e chilometri di autostrade, mentre i treni e le infrastrutture diventavano fatiscenti (pensate alla recente chiusura del ponte sull’Adda di Paderno, come pensate che si muovono tutte i cittadini di quel territorio per raggiungere Milano?)

Poi ci si mette anche il sindaco Sala con l’aumento dei biglietti dei mezzi Atm a 2 euro: il modo migliore per disincentivare l’utilizzo di metro e tram. Pensate a chi deve venire a Milano in giornata, facendo due conti forse la macchina gli risulta più conveniente.

E intanto si continua ad avvelenare tutta la popolazione, che paga anche in costi sanitari, per non parlare dei drammi che le famiglie vivono a causa dei casi di tumore. Ma questa è un’altra storia che, purtroppo, la politica preferisce non ascoltare.

L’articolo Milano sta già soffocando proviene da Massimo De Rosa.



FONTE : Massimo De Rosa

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi