Maidar EcoCity: la città del futuro sorgerà in Mongolia

di Beppe Grillo – Stefan Schmitz è un architetto tedesco e sta progettando una eco-città nel mezzo della steppa mongola: Maidar EcoCity.

Nei prossimi anni, 114 chilometri quadrati di aree residenziali, parchi commerciali e zone industriali, strade e parchi prenderanno forma nella steppa mongola al centro della catena montuosa del Bogd Khan. Una statua del Buddha attualmente in costruzione (54 metri , più alta della Statua della Libertà) segna già il centro della nuova metropoli mongola.

Il  piano prevede la costruzione di un nuovo centro urbano,  Maidar EcoCity, che ospiterà 300.000 abitanti. Avrà una propria università, musei e centri religiosi, insieme ad aree dedicate al turismo e all’industria cinematografica.

Il criterio di progettazione di  Maidar EcoCity è “La città delle brevi distanze”. La città sarà divisa in vari quartieri, ciascuno dei quali funzionerà come città autonoma all’ interno di una città. Di conseguenza, ogni distretto avrà tutti i suoi servizi chiave entro un raggio di 600 metri. Le auto non saranno richieste dai futuri abitanti dell’ eco-città, né sono richieste: le strade principali di Maidar City – le arterie urbane – sono progettate esclusivamente per pedoni, ciclisti e mezzi di trasporto pubblico a propulsione elettrica. Essi collegano i centri distrettuali senza attraversare strade trafficate. I distretti sono separati da zone verdi paesaggistiche per attività ricreative, sportive e ricreative. Un approvvigionamento indipendente di acqua potabile e zone agricole a sud della città renderà la città autosufficiente. L’ acqua potabile proviene da fiumi di montagna, filtrata in letti di piante e immagazzinata in un lago. Circa il 50% dell’ energia per la nuova metropoli sarà prodotta da fonti energetiche rinnovabili. Un parco eolico ad est della nuova città sarà ampliato.
Secondo l’urbanista la Mongolia offre ottime condizioni per generare energia rinnovabile. “C’è molto vento nella zona dove sorgerà la città e il sole brilla quasi continuamente durante l’inverno. Un parco eolico vicino è destinato ad essere ampliato per soddisfare il fabbisogno di energia elettrica. E a sud della città, la terra è già riservata all’agricoltura sostenibile. Questo è per rifornire di cibo la città e anche per arrestare la crescente desertificazione nella regione. I distretti della città sono progettati in modo tale da esistere indipendentemente l’uno dall’altro, con i propri centri”, ha osservato Schmitz, sottolineando che “i trasporti pubblici e le auto elettriche saranno una priorità”.

La Mongolia è il paese con la più bassa densità di popolazione al mondo. La nazione asiatica senza sbocchi sul mare, situata tra la Cina e la Russia, ha un’area che è cinque volte l’Italia, ma ha una popolazione di poco più di tre milioni di persone. Tuttavia, il paese affronta tutti i tipi di problemi urbani come la carenza di alloggi, il sovraffollamento e gli ingorghi.
Questo perché una parte enorme della popolazione nazionale è concentrata nella capitale, Ulan Bator, città  costruita per 600.000 abitanti, ma che oggi  ospita più di 1,2 milioni di abitanti. I prezzi immobiliari della capitale sono più alti di quelli europei. Un mongolo con un reddito medio non può permettersi di vivere a Ulan Bator e la crescita demografica della città non è più contenibile; anche per questo motivo la Mongolia pianifica Maidar City.

La città del futuro sta arrivando!



Tutti i diritti sono degli autori indicati alla fonte: Il Blog di Beppe Grillo : http://www.beppegrillo.it/maidar-ecocity-la-citta-del-futuro-sorgera-in-mongolia/