M5s Riva del Garda chiede il riconoscimento e la difesa della denominazione “Alto Garda” come patrimonio dei comuni che si affacciano al lago
M5s Riva del Garda chiede il riconoscimento e la difesa della denominazione “Alto Garda” come patrimonio dei comuni che si affacciano al lago

M5s Riva del Garda chiede il riconoscimento e la difesa della denominazione “Alto Garda” come patrimonio dei comuni che si affacciano al lago

M5s Riva del Garda chiede il riconoscimento e la difesa della denominazione “Alto Garda” come patrimonio dei comuni che si affacciano al lago

M5s Riva del Garda chiede il riconoscimento e la difesa della denominazione “Alto Garda” come patrimonio dei comuni che si affacciano al lago



Al Presidente del Consiglio comunale di
Riva del Garda
Mauro Pederzolli
Al Sindaco Adalberto Mosaner
e Giunta comunale

MOZIONE

Oggetto: Utilizzo denominazione Comune Alto Garda per la fusione dei Comuni di Dro e Drena

PREMESSO CHE

  • Nei giorni scorsi i sindaci dei comuni di Dro e Drena hanno proposto l’idea di dare il nome “Alto Garda“ al nuovo comune che dovrebbe scaturire dal processo di fusione tra i comuni di Dro e Drena.
  • E’ assodato che la denominazione Alto Garda prende il nome e si riferisce direttamente al Lago di Garda e quindi interessa geograficamente e storicamente Riva del Garda, Nago Torbole, Arco ed è stata usata e viene usata tuttora per identificare numerose società ed enti che operano in questi comuni. Anche la Comunità di valle fa riferimento alla definizione Alto Garda.
  • Vari sindaci e amministratori locali hanno espresso più volte la volontà di arrivare ad una aggregazione di comuni o anche ad un comune unico. Tale entità amministrativa potrebbe coinvolgere i comuni di Riva, Arco, Nago Torbole, Tenno Dro e Drena arrivando quindi a costituire il secondo comune del Trentino con quasi 50.000 abitanti.
  • Il consiglio comunale con delibera n.61 del 20/10/2014 si è espresso all’unanimità a favore della fusione dei comuni.
  • E’ necessario quindi dare vita finalmente ad una realtà forte per una zona che già oggi produce il maggiore Pil del Trentino, è la principale zona turistica del Trentino, è il più grande polo industriale ma non ha – purtroppo – un potere politico corrispondente.
  • Con l’aggregazione dei comuni arriveremmo ad essere la prima realtà economica del Trentino andando a superare addirittura Rovereto facendo in modo ovviamente di mantenere tutti i nostri toponimi locali.
  • I Cittadini dei nostri comuni hanno tutto il diritto di avere un comune unico ed hanno anche il diritto a veder degnamente riconosciuta la denominazione Alto Garda nella quale si riconoscono pienamente.

IL CONSIGLIO COMUNALE IMPEGNA LA GIUNTA

  1. Predisporre tutte le iniziative opportune affinché la denominazione “Alto Garda sia riconosciuta come entità geografica locale e quindi riferita al comune di Arco e comuni limitrofi e come tale non possa essere usata senza l’accordo di tutti i consigli comunali dei comuni interessati.
  2. Chiedere pertanto ai sindaci dei comuni di Dro e Drena di rinunciare all’utilizzo della denominazione “Alto Garda” per il progetto di fusione Dro Drena.
  3. Segnalare ai servizi competenti della PAT e della Regione la propria contrarietà all’utilizzo della denominazione “Alto Garda” per il progetto di fusione Dro Drena.
  4. A prendere contatti immediati con le amministrazione di Dro e Drena per avviare un percorso di fusione di questi primi 3 comuni e di quelli che eventualmente vorranno aggiungersi.

    Riva del Garda, 10/09/2017

I Consiglieri Comunali di Riva del Garda
Flavio Prada
Andrea Matteotti
MoVimento 5 Stelle

Mozione comune Alto Garda Riva



FONTE : MoVimento 5 Stelle Trentino

LINK: https://www.trentino5stelle.it/m5s-riva-del-garda-chiede-riconoscimento-la-difesa-della-denominazione-alto-garda-patrimonio-dei-comuni-si-affacciano-al-lago/

Tutti i diritti sono degli autori indicati alla fonte