Lavoro? Servono risposte non parole un giorno all’anno

Oggi in Italia il #lavoro è in cima alle preoccupazioni dei #cittadini.

La mancanza di un lavoro sicuro condanna i nostri ragazzi al limbo del precariato a tempo indeterminato, all’incertezza del lavoretto. Condizioni rese permanenti da una politica incapace di guardare al di là dei propri interessi, delle “mancette” elettorali.

Chi invece un lavoro ce l’ha, è sempre più spesso costretto a barattarlo con diritti e sicurezza. Le morti sul lavoro nel nostro Paese anche quest’anno sono state troppe. Sono già 220 in Italia i caduti sul lavoro dall’inizio dell’anno, 27 nella sola Lombardia. L’entrata in vigore, ormai dieci anni fa, del Testo Unico della sicurezza sul Lavoro non pare aver sortito effetti e da allora poco o niente è stato fatto. Anzi, dove possibile sono state tegliate risorse e fondi per controlli e sicurezza. Se ti va bene è così, altrimenti sai quanti ne troviamo?

Così, mentre la situazione imporrebbe risposte immediate, i partiti rifiutano di firmare un contratto di governo finalizzato a mettere in pratica le riforme di cui il Paese e i cittadini avrebbero bisogno. Preferendo anteporvi i propri interessi. E passato il Primo Maggio il tema del lavoro tornerà, ancora una volta inesorabilmente, a scivolare fuori dalle agende di media e politica.

L’articolo Lavoro? Servono risposte non parole un giorno all’anno proviene da Massimo De Rosa.



FONTE : Massimo De Rosa

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi