Interrogazione: Quale futuro per il Modena Calcio
Interrogazione: Quale futuro per il Modena Calcio

Interrogazione: Quale futuro per il Modena Calcio

Premesso che :

Il Modena Calcio è retrocesso in Lega Pro alla fine della stagione 2015/2016 dopo una travagliata stagione sportiva

Considerato che:

Il Comune di Modena ha rapporti con il Modena Calcio attraverso la convenzione per l’utilizzo dello stadio comunale Alberto Braglia, nella quale il Comune di Modena è fideiussore nel mutuo al credito sportivo stipulato prima della ristrutturazione dello stesso stadio. Tale mutuo è stato rinegoziato lo scorso anno dal Modena Calcio per abbassare la rata annuale prolungandolo fino al 2034. il Comune di Modena risulta dunque vincolato alla gestione del Modena Calcio.

Tenuto conto che:

Si apprende dai quotidiani, precisamente dal Resto del Carlino del 30/5/2016:

“All’ordine del giorno ancora una volta ci sarà la questione del mutuo sullo stadio (sino al 2034, una rata annua di 250mila euro, l’ ultima non ancora pagata): il Modena non ha ancora pagato la rata dei 125 mila euro di dicembre e a fine giugno ci sarà la seconda. Altro problema la manutenzione del Braglia: al 30 giugno scade la convenzione con la Rappo che ha curato il campo da agosto ad oggi. Il costo annuale è di 120 mila euro e i pagamenti da parte del Modena non sono sempre stati puntuali. Anzi. Poi ci sono quelli che potremmo chiamare dettagli: la pulizia dello stadio, a carico del club secondo la convenzione, che non è stata fatta dopo l’ultima gara col Pescara, senza parlare del tabellone luminoso che non funziona da parecchi mesi. Per ultimo il debito del Modena con i Vigili del Fuoco.”

Considerato quindi che:

L’attuale gestione del Modena Calcio rischia di far pesare sulle spalle del bilancio comunale e quindi dei cittadini Modenesi altre spese a causa del mancato rispetto di obblighi convenzionali a carico del Modena Calcio.

Molti tifosi modenesi hanno espresso al Sindaco la scorsa settimana forte preoccupazione per il futuro del Modena Calcio chiedendo allo stesso di adoperarsi per un’alternativa alla gestione del presidente del Modena Calcio Antonio Caliendo.

Si interroga l’Amministrazione per sapere se:

è vero che il Modena calcio non ha rispettato il pagamento della rata del mutuo al credito sportivo nella scadenza di dicembre;

è vero che il Modena Calcio non ha adempiuto ad alcuni obblighi convenzionali come riportato dai giornali;

nel caso la risposta alla precedente domanda sia affermativa, quali azioni sono state messe in campo dalla Giunta per invitare il presidente del Modena Calcio a rispettare gli obblighi della convenzione;

nel caso la risposta alla prima domanda sia affermativa, che probabilità ci sono di dover applicare il comma dell’art.14 (“Revoche”) della convenzione tra il Comune di Modena e il Modena Calcio, che recita: “Il Comune di Modena si riserva la revoca della presente concessione per giustificate ragioni di interesse generale, ivi compresa ogni ulteriore opportunità o necessità tesa alla migliore valorizzazione dell’impianto al servizio del territorio”.



FONTE : Modena 5 Stelle