Il regalo piace equosolidale. Vendite boom.

Dona oggi, e rimani informato anche domani. Con Paypal: https://www.paypal.me/sel5stelle

27 dicembre 2014 – I trevigiani quest’anno hanno scelto regali equosolidali. Un boom di vendite in questo mese di dicembre per la catena dei negozi della cooperativa Pace e Sviluppo che cerca così di lasciarsi alle spalle un anno difficile. La crisi non morde solo le aziende ma, ormai da tempo, anche queste realtà costrette ad attuare una “cura dimagrante” pur di resistere e rimanere sul mercato. Ed è quello che ha fatto anche la cooperativa Pace e Sviluppo, costretta a rinunciare a quattro dei suoi 18 collaboratori. “La Coop ha chiuso a giugno un bilancio difficile, 111 mila euro di perdita per un fatturato di 1.820.000 euro, il 12% in meno rispetto l’anno precedente», spiega Alessandro Franceschini, “Siamo stati costretti a una cura dimagrante, fortunatamente da metà 2014 in poi ci sono stati segnali di ripresa, sia in termini di fatturato che di partecipazione. Sono 300 i volontari che oggi prestano servizio nella cooperativa. L’anno dovrebbe chiudersi in pareggio. Nonostante la crisi la gente viene a comprare equosolidale e sembra apprezzare il fatto che molte delle nostre proposte provengano da realtà di economia solidale italiana. Penso a Libera, ai prodotti del carcere e a quelli di altre associazioni». Dal primo dicembre a oggi sono stati venduti tremila panettoni dagli 11 negozi della cooperativa Pace e Sviluppo sparsi per la provincia. E ancora: 2800 confezioni regalo, 3800 pacchetti di caffè pari 1,2 quintali, 6 mila tavolette di cioccolato, 750 chili di pasta di Libera. Pace e Sviluppo è la prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari, terza in Italia. Nata nel 1989 come associazione, nel 1993 è divenuta cooperativa: gestisce 13 botteghe nel mondo, conta 1800 soci, di cui 300 volontari. Il settore complessivamente a livello nazionale muove un fatturato di circa 88 milioni di euro, nel Veneto poco più di 7 milioni di euro, circa 2,1 nella provincia di Treviso. Principalmente si tratta di prodotti alimentari (55%), seguiti dall’artigianato, in particolare abbigliamento (38%), infine libri (7%). Nel comparto operano in Veneto 18 organizzazioni, che gestiscono 57 botteghe, circa 400 lavoratori e ben 3350 volontari. Un comparto che sta sempre più uscendo dalla nicchia in cui è stato da sempre relegato. E proprio a questo si ispirerà la prossima edizione della Fiera dei 4 Passi, prevista per il prossimo maggio 2015. “Il titolo della prossima edizione sarà “Usciamo dalla riserva”»,- conclude Franceschini, “ormai non siamo più una nicchia». (s.g.)

http://tribunatreviso.gelocal.it/treviso/cronaca/2014/12/27/news/il-regalo-piace-equosolidale-vendite-boom-1.10568459?ref=search

Dona oggi, e rimani informato anche domani. Con Paypal: https://www.paypal.me/sel5stelle

FONTE: : http://www.portavocegirotto.it/2014/12/29/il-regalo-piace-equosolidale-vendite-boom/

Dona oggi, e rimani informato anche domani. Con Paypal: https://www.paypal.me/sel5stelle