Il Programma M5S 2017/2022 di Manuele Isoardi per Cuneo
Il Programma M5S 2017/2022 di Manuele Isoardi per Cuneo

Il Programma M5S 2017/2022 di Manuele Isoardi per Cuneo

Le proposte del M5S

✓ Promuovere la partecipazione reale dei cittadini alle scelte logistiche ed economiche
della Città mediante la loro consultazione preventiva sulle grandi opere da realizzare,
sulle scelte economiche, sulla destinazione del patrimonio comune, sulla
valorizzazione degli immobili di pregio, tramite gli strumenti che già sono previsti fin
dal 1993 nel regolamento comunale, ma che non risultano essere stati utilizzati: “a)
assemblee pubbliche, b) consultazioni mediante l’invio di questionari, c) referendum
consultivi”:
✓ Rendere obbligatoria la consultazione pubblica per tematiche di grande impatto
economico e sociale;
✓ Facilitare il ricorso al referendum comunale diminuendo il numero di firme
necessarie per la richiesta ed eliminare o ridurre significativamente il quorum per la
validità del medesimo;
✓ Vincolare Consiglio e Giunta ad una presa d’atto del risultato delle consultazioni;

Le proposte del M5S

✓ Sperimentare forme nuove di partecipazione cittadina, anche mediante l’uso dei
nuovi mezzi di comunicazione digitale, per rendere sempre più stretto e continuo il
rapporto tra i rappresentanti eletti ed i cittadini;
✓ Sperimentare il bilancio partecipato (già realtà in alcuni comuni o circoscrizioni) con
cui sono i cittadini a scegliere, tramite pubbliche consultazioni, in quali servizi o
progetti investire una percentuale delle somme destinate alle opere sul territorio;
✓ Introdurre il bilancio di genere che assicura l’equa ripartizione delle risorse tra donne
e uomini;
✓ Inserire nel sito del Comune, dati di pubblici registri e informazioni complete relative
alle spese pubbliche, ai quadri economici delle opere pubbliche e relative varianti,
alle partecipazioni, all’entità del patrimonio edilizio comunale ed al suo utilizzo,
all’ammontare delle locazioni, al censimento degli edifici vuoti e/o inutilizzati, alla
domanda di abitazioni, ai dati sul disagio e sulla povertà, ai dati statistici e di archivio.
✓ Disponibilità degli assessori ad incontri regolari con i cittadini al fine di accogliere
proposte, fornire chiarimenti e ascoltare lamentele

Trasparenza e costi:

❖ Un’amministrazione trasparente passa attraverso un’informazione chiara e diretta ed
è la base per la costruzione di una partecipazione consapevole.
❖ Adottare tutti gli accorgimenti possibili per evitare fenomeni di clientelismo o
“parentismo”, selezionando le consulenze e le assunzioni su basi meritocratiche e di
competenza.
❖ Prima di esternalizzare le consulenze verificare le competenze disponibili all’interno
dell’amministrazione comunale.
❖ Verifica dell’effettiva utilità di ciascuna società partecipata.

Lavorare per:

➢ la semplificazione nell’accessibilità ai servizi dedicati al cittadino;
➢ la trasparenza nella gestione economica e finanziaria della macchina comunale la
trasparenza dei processi decisionali;
➢ Il potenziamento degli attuali strumenti telematici per la partecipazione (identità
digitale certificata, raccolta firme, consultazioni, votazioni…) e l’erogazione di servizi al
cittadino;
➢ Il confronto pubblico e periodico con Sindaco ed assessori;
➢ Consentire l’audizione della cittadinanza in Commissione su specifici argomenti
Pubblicazione dell’agenda degli assessori e dirigenti (o parte di essa) in rete;
➢ Una migliore diffusione ed utilizzo dell’Ufficio relazioni col Pubblico in modo che il
cittadino trovi una valida guida per la soluzione dei problemi;
➢ Il rafforzamento del ruolo dei comitati di quartiere per permettere la partecipazione
attiva anche di chi non ha facile accesso ad Internet.

Trasparenza: Impegni dei nostri candidati se eletti

❖ Rendicontare pubblicamente l’uso di qualsiasi fondo pubblico avuto per svolgere
l’incarico che ricoprono (es. spese d’ufficio, rimborsi spese ecc.);
❖ Dedicare all’incarico il tempo necessario per essere presente con regolarità e svolgere
bene il compito per cui si è stati eletti;
❖ Impegno a non assumere incarichi per lo svolgimento di attività professionali per
l’amministrazione comunale;
❖ Consultare i cittadini anche attraverso piattaforme online per verificare l’operato degli
eletti o definire le posizioni da prendere in Consiglio Comunale;
❖ Portare avanti le posizioni del Movimento e dei suoi elettori e non le proprie idee:
❖ l’eletto rappresenta gli elettori e non se stesso;
❖ Vincolo del gettone di presenza all’effettiva partecipazione ad almeno il 75% della
durata della seduta.









Tutti i diritti sono degli autori indicati alla fonte: Fabiana Dadone : http://www.fabianadadone.it/home/il-programma-m5s-20172022-di-manuele-isoardi-per-cuneo/

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *