Il Pd vuole fottere i livornesi #IoNonPagoPerIlPd
Il Pd vuole fottere i livornesi #IoNonPagoPerIlPd

Il Pd vuole fottere i livornesi #IoNonPagoPerIlPd

viapdlivorno.jpg

I livornesi hanno cacciato il Pd da Livorno con il voto di due anni fa. La città è stata ripresa in mano dai cittadini e dal MoVimento 5 Stelle che sta cercando di rimettere in piedi una città lasciata in macerie e affossata dai debiti. Livorno non vuole il Pd, il Pd vuole i soldi dei cittadini livornesi e continua a ingerire sulle scelte non solo dell’amministrazione, ma anche degli organi indipendenti e di garanzia. Vogliono fottere i livornesi: la Regione Toscana a guida Pd adesso entra a gamba tesa sulla questione Aamps di Livorno. A pochi giorni dalla consegna del piano di concordato, con assoluto sprezzo dell’autonomia della magistratura e con l’evidente intento di fare pressione sulla vicenda della municipalizzata all’ambiente labronica che ha tolto il sonno a tutto il Pd.

Il direttore del settore Ambiente della regione Toscana, con il direttore generale dell’Ato Costa, hanno infatti scritto una lettera inviata direttamente al commissario giudiziale a cui è stata affidata la pratica del concordato Aamps. Il contenuto è imbarazzante. I due infatti sostengono – in sintesi – che dovrebbe guardarsi bene dal dar conto a un piano di concordato per Aamps, se non sul brevissimo periodo, perché già dalla fine di quest’anno con l’attivazione di Reti Ambiente l’Aamps sarà inglobata nel nuovo ente.
Il Pd vuole far fallire l’Aamps. E per farlo è disposto anche a compiere una pesante ingerenza: far sentire il fiato sul collo al magistrato che si troverà a decidere sulla sorte dell’azienda con una lettera che sa molto di avvertimento.
E chi se ne fotte dei danni che hanno fatto ai cittadini livornesi, dei creditori di Aamps, dei lavoratori che finiranno in mezzo a una strada. Tutto questo solo per eliminare (politicamente parlando) un sindaco del 5stelle, Filippo Nogarin.

Questo è il Pd, ricordatevelo tutti.

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it



FONTE : Blog di Beppe Grillo