I vitalizi a 5 stelle? Ennesima bufala dei giornali per colpire il Movimento

La notizia dei vitalizi dei 5stelle, riportata dai media è l’ennesima notizia distorta, contrabbandata da “La Repubblica” quasi come uno scoop. Le cose, come purtroppo spesso accade, sono completamente diverse da come sono state presentate. Il M5S Sicilia è stato l’unico che nel parlamento regionale ha rinunciato al vitalizio travestito da pensione, un vergognoso privilegio che permette ad un politico di intascare il diritto alla pensione dopo soli 4 anni e mezzo di legislatura, tutto ciò mentre i giornali, che oggi sparano a zero contro di noi, erano girati dall’altro lato. Noi abbiamo anche lasciato nelle casse dell’assemblea tutti gli emolumenti relativi ai contributi mensili, che altrimenti ci sarebbero stati versati. Pertanto abbiamo deciso di accantonare i contributi come se fossimo dei normali lavoratori per i cinque anni di legislatura, calcolati, ovviamente, sulla base di 2.500 euro di stipendio. In pratica abbiamo applicato il principio che avremmo realizzato se fossimo andati al governo della Regione: no ai vitalizi, no alla pensione da privilegiati e sì ai contributi che si aggiungono a quelli della vita lavorativa fuori dalle istituzioni. Tutto qui. Nessun privilegio, ma solo la garanzia di una copertura previdenziale che altrimenti non avremmo avuto. Come avviene per tutti i lavoratori e come non avviene per tutti coloro che fanno politica nei partiti che invece intascano tutto. Ai giornalisti distratti, che si ostinano a raccontare cose non vere, inventando di sana pianta notizie volte solo a screditare il Movimento 5 Stelle, teniamo a ricordare anche che il gruppo parlamentare, unico nel panorama politico della storia della Regione Siciliana, ha restituito oltre 3 milioni di euro, con i quali sono stati avviati diversi progetti di pubblica utilità. Raccontassero nel dettaglio anche quelli, che hanno dato lavoro a decine di persone, avviato imprese, rivitalizzato luoghi abbandonati dell’isola e facilitato la pratica dello sport a 60 atleti disabili. Per non parlare della trazzera, cui si sono aggrappati per sopravvivere tantissime imprese e cittadini, quando, nel sonno delle istituzioni, la Sicilia era divisa in due a causa del crollo di un pilone sulla A19. Ormai abbiamo preso atto del paradosso di gattopardiana memoria: in Sicilia non importa far male o bene, quello che non ti perdoneranno mai è semplicemente il fare. I nostri politici lo hanno capito perfettamente: non fanno e si guardano bene dal fare qualcosa per tagliarsi pensioni e stipendi, rimanendo, per giunta, al riparo degli attacchi della stampa.





FONTE : sicilia5stelle

LINK: http://www.sicilia5stelle.it/2017/11/vitalizi-5-stelle-ennesima-bufala-dei-giornali-colpire-movimento/

Tutti i diritti sono degli autori indicati alla fonte

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi