MEDIA E STAMPA

I franchi tiratori del PD affossano la legge elettorale

FONTE : Lastampa.org

I franchi tiratori del PD affossano la legge elettorale

Ieri in Aula è passato un emendamento riguardante l’estensione del sistema elettorale al Trentino Alto Adige ed era peraltro identico ad uno presentato dal MoVimento 5 Stelle.
L’emendamento di Micaela Biancofiore approvato dalla Camera elimina i collegi maggioritari che la legge elettorale manteneva in Trentino Alto Adige, introducendo nella Regione a Statuto speciale il riparto proporzionale dei collegi, come il Fianum fa per il resto del territorio nazionale. Sul piano politico è uno schiaffo al Pd che si era fatto garante con la Svp del mantenimento del Mattarellum in Trentino Alto Adige.

L’emendamento è passato con 270 sì, 256 no e un astenuto e per un attimo in aula è comparso il tabellone con le palline rosse e verdi, come se la votazione fosse palese, alimentando il giallo franchi tiratori. «È stato un disguido», ha detto la presidente Laura Boldrini. La legge elettorale torna ora in Commissione, ma difficilmente vedrà mai la luce.

Determinanti nella votazione sono stati una parte di esponenti del Pd che hanno consentito che questo emendamento passasse. Inspiegabile, quindi, la reazione del capogruppo del Pd Rosato di fronte a questi fatti chiari e semplici. Rosato ha chiesto di sospendere i lavori dell’Aula e di rinviare la legge in commissione accusando il M5S di inaffidabilità, non tener fede ai patti.

Luigi Di Maio, vicepresidente della camera e potenziale premier del M5S invece asserisce che quello che è successo alla Camera è vergognoso e guai a chi osa incolpare il MoVimento 5 Stelle di quanto accaduto. Il Partito Democratico accusa il m5s di aver votato un emendamento che già sapevano avremmo votato. Il punto è un altro: loro alla Camera contano 282 deputati e per fermare la proposta che abbiamo votato sarebbero bastati 264 voti. Quindi il problema sono i franchi tiratori di un partito allo sbando, che per nascondersi dà a noi degli irresponsabili.



Tutti i diritti sono degli autori indicati alla fonte: Lastampa.org