«ERT, tradizionale giro di poltrone»
«ERT, tradizionale giro di poltrone»

«ERT, tradizionale giro di poltrone»

M5S Modena: «Nella nomina per il CdA di Emilia Romagna Teatro non trovano posto le competenze specifiche. Persa l’ennesima occasione per innovare»

MODENA, 14 MAG – La nomina dell’avvocato matrimonialista Maria Grazia Scacchetti nel Consiglio di amministrazione del Teatro stabile pubblico regionale Ert Emilia Romagna dimostra come il sindaco Muzzarelli continui ad utilizzare nell’assoluta continuità il tradizionale criterio della rotazione delle poltrone e dunque della “fedeltà” all’Amministrazione.
La Scacchetti, professore Associato del Dipartimento di Giurisprudenza presso l’Università di Modena e Reggio Emilia, per ben 15 anni – dal 2000 al 2015 – ha fatto parte del Consiglio di Indirizzo della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, oltre all’incarico nel Consiglio direttivo della Fondazione Teatro Comunale di Modena dal 2014 al 2016.
Ora, uscita da Fcrmo e dalla Fondazione Teatro Comunale di Modena, per la Scacchetti si aprono le porte di un nuovo incarico, questa volta dentro Ert.
Per il Sindaco Muzzarelli, Scacchetti “è una figura già affermata e riconosciuta come amministratrice del settore”. Affermazione altisonante quella del Sindaco, soprattutto alla luce del profilo professionale della nomina, considerato che Scacchetti è un noto avvocato matrimonialista.
Per il MoVimento 5 Stelle Modena il profilo adatto per il Consiglio di Amministrazione di Ert doveva possedere riconosciute competenze in ambito teatrale o culturale.
Finché si continueranno a scegliere amministratori senza una reale attenzione alle specifiche attività degli Enti non dobbiamo stupirci di vedere le gestioni degli stessi scivolare verso la pallida conservazione dell’esistente. L’Amministrazione ha perso l’ennesima occasione per dare ad un Ente pubblico un’impronta capace di affrontare le nuove sfide che attendono la comunità cittadina.



FONTE : Modena 5 Stelle