discarica in esaurimento
discarica in esaurimento

discarica in esaurimento

Tra un anno termina la capacità ricettiva della discarica di Barengo.

Dove verranno smaltite le 60.000 tonnellate annue di rifiuti indifferenziati prodotti dalla provincia di Novara? Verrà ampliata- anzi spraelevata- la discarica di Barengo, oppure i nostri rifiuti indifferenziati verranno trasportati e bruciati in qualche inceneritore?

La domanda non è affatto oziosa, perché le conseguenze saranno pesanti in entrambi i casi. Infatti nella malaugurata ipotesi del sopralzo della discarica, verranno pesantemente penalizzati i cittadini di Barengo e dei Comuni viciniori, da venticinque anni tormentati dalle puzze e dai problemi sanitari causati da questi rifiuti.

Inoltre ci chiediamo se sia tecnicamente fattibile questo sopralzo, che aumenterà considerevolmente il carico statico sul fondo e sulle pareti della discarica stessa. Ma anche l’ipotesi del trasporto e della combustione dei nostri rifiuti indifferenziati in qualche inceneritore (a Parona? a Milano? a Torino?) presenta sia il problema dei costi supplementari per il trasporto, costi che inevitabilmente porteranno ad un considerevole aumento della tassa rifiuti pagata dai cittadini, sia il problema dell’inquinamento dei camion per il trasporto dei rifiuti stessi.

Gli enti interessati si contraddicono a vicenda circa le soluzioni da adottare. Tre giorni fa l’assessore del Comune di Barengo aveva escluso in modo categorico l’ipotesi del sopralzo della discarica, invece due mesi prima l’assessore provinciale all’ ambiente nell’ultima riunione dell’Osservatorio Rifiuti aveva dichiarato il sopralzo come probabile.

Siamo tra Scilla e Cariddi a causa dell’inerzia delle istituzioni responsabili. Ora vorremmo veramente capire di che morte dobbiamo morire, per tentare almeno di limitare i danni. Da parte nostra, la via da percorrere l’abbiamo indicata da tempo: riduzione dei rifiuti tramite l’applicazione della tariffa puntuale. raccolta differenziata spinta e riciclo dei materiali differenziati.

Gli esempi virtuosi non mancano.

F.T.



FONTE : Novara 5 Stelle