Creare una versione digitale della Terra

di Will Marshall – Fino a qualche anno fa era impensabile poter scrutare ogni lato del pianeta, pensare di arrivare a vedere ogni angolo del Mondo, o quasi.

Invece oggi, una flotta di satelliti ha fotografato l’intera Terra e, cosa ancora più importante, democratizzato l’accesso ad essa per ognuno di noi.

Ci sono voluti 21 lanci di razzi e ora abbiamo più di 200 satelliti in orbita, che trasferiscono i loro dati a 31 stazioni terrestri in tutto il pianeta. In totale, ogni giorno riceviamo 1,5 milioni di immagini della Terra da 29 megapixel. E in qualsiasi punto della superficie terrestre, ora abbiamo in media più di 500 immagini. Una profonda pila di dati che documenta cambiamenti immensi.

E molte persone utilizzano queste immagini. Le aziende agricole lo stanno utilizzando per migliorare la resa dei raccolti degli agricoltori. Le aziende di cartografia le stanno utilizzando per migliorare le mappe che trovate online. I governi lo stanno utilizzando per la sicurezza delle frontiere o per migliorare i soccorsi e le riparazioni dopo inondazioni, incendi e terremoti. Molte associazioni le stanno utilizzando per rintracciare e fermare la deforestazione.

Ma c’è di più.

Oggi chiunque può andare online su planet.com aprire un account e vedere tutte le nostre immagini online. E’ un po’ come Google Earth, tranne che per il fatto che si può andare indietro nel tempo. È possibile confrontare ogni due giorni e vedere i cambiamenti drammatici che avvengono in tutto il nostro pianeta. Oppure è possibile scegliere un lasso di tempo attraverso le 500 immagini che abbiamo e vedere cosa è cambiato e cosa è successo nel tempo.

Inizialmente abbiamo creato questo strumento per i giornalisti di attualità, che volevano ottenere informazioni imparziali sugli eventi mondiali. Ma ora lo abbiamo aperto a tutti, per scopi personali o senza scopo di lucro. E speriamo che dia alle persone gli strumenti per trovare e vedere i cambiamenti sul pianeta e magari agire.

Ma c’è un secondo importante cambiamento.

La nostra prossima missione è incredibile. In breve, vogliamo arrivare allo spazio e introdurre l’IA. Sembra presuntuoso ma credo che ce la faremo.

Quello che stiamo facendo con l’intelligenza artificiale è trovare gli oggetti in tutte le immagini satellitari. Gli stessi strumenti IA che vengono utilizzati per trovare i gatti nei video online, possono essere utilizzati anche per trovare informazioni sulle nostre foto.

Quindi, immaginate un strumento in grado di dire “questa è una nave”, “questo è un albero”, “questa è una macchina”, “questa è una strada”, “questo è un edificio”, “questo è un camion”, e così via.

Se si potesse fare questo per tutte le milioni di immagini che arrivano ogni giorno, potremo creare un database di tutti gli oggetti del pianeta, ogni giorno. E tale banca dati sarebbe ricercabile.

Questo è esattamente ciò che stiamo facendo.

Per esempio selezioniamo Pechino e vogliamo contare gli aerei in aeroporto. Selezioniamo l’aeroporto, e troviamo gli aerei nelle immagini di oggi, e poi troviamo gli aerei in tutta la pila di immagini che abbiamo, giorno per giorno, e poi tutti gli aerei in aeroporto di Pechino nel corso del tempo.

Immaginate quanto questo sarebbe utile per le persone delle guardie costiere che stanno cercando di rintracciare e fermare la pesca illegale. Vedere, i pescherecci legali che trasmettono la loro posizione e quelle che non lo fanno. Le immagini non mentono. E così, le guardie costiere potrebbero usare questo e andare a trovare quei pescherecci illegali. Potremo trovare i bracconieri, oppure i trafficanti di droga. Sarebbe una rivoluzione.

Ma con l’IA possiamo fare di più.

Presto potremo parlare direttamente ad una interfaccia e chiedere: “Quante case ci sono in Pakistan? Dammi una scala di questo rispetto a 10 anni fà”. “Quanti alberi ci sono in Amazzonia e mi può dire dove sono stati abbattuti tra questa settimana e la scorsa?

Questo lo chiamiamo “Queryable Earth”. É ovvio che ci sono dei confini nella privacy che non possiamo oltrepassare. Ma permettetemi un’analogia. Google ha indicizzato ciò che c’è su internet e lo ha reso ricercabile. Bene, indicizziamo ciò che c’è sulla Terra e rendiamolo ricercabile. Per tutti. Senza inganno e senza nascondere nulla. Non sarebbe fantastico?



FONTE : Il Blog di Beppe Grillo