Cormano si rifà il look, ci volevano le elezioni, per tornare ad investire sul territorio

Da cittadino cormanese, non posso che essere contento delle iniziative promosse dalla giunta per la valorizzazione del territorio e dei servizi ai cittadini, anche se le tempistiche degli interventi sono quantomeno sospette.
Il riferimento è alla notizia legata all’approvazione, avvenuta  nei giorni scorsi da parte dell’amministrazione comunale, del bilancio di previsione 2018 e dal pluriennale 2018/2020. Tra gli investimenti previsti troviamo più di un milione di euro stanziato per il restyling degli edifici scolastici, dalle facciate della scuola di via Beccaria passando per la sostituzione dei serramenti della scuola di via Adda fino all’attività di manutenzione straordinaria della scuola di via Ariosto. Trecento milioni di euro per la manutenzione del verde pubblico, altri centomila per la riqualificazione delle aree ludiche, ma soprattutto il grosso dell’investimento, quasi 9 milioni di euro spalmati in 15 anni, sarà dedicato al progetto che porterà alla riqualificazione delle centrali termiche di edifici comunali e scuole.
Tutti aspetti positivi. E’ un bene che si investa sul territorio ma è quantomeno strano notare, improvvisamente, tutta questa frenesia di fare e sistemare situazioni degenerate da anni. Probabilmente è solo un caso la concomitanza con le prossime elezioni comunali. Assieme ai nostri portavoce in consiglio comunale, ci domandiamo se, a muovere le intenzioni di sindaco e giunta sia più la paura di perdere la poltrona o l’effettiva voglia di lasciare qualcosa ai nostri concittadini?

La questione vera però è un’altra.

Promettere investimenti a ridosso delle elezioni è molto semplice, ma su chi ricadranno i costi di tutto questo? Sarà la nuova amministrazione a pagare? Tagliando su cosa? Questioni sulle quale continueremo a vigilare, grazie al controllo e al lavoro quotidiano dei nostri portavoce in consiglio comunale” conclude il consigliere regionale.

L’articolo Cormano si rifà il look, ci volevano le elezioni, per tornare ad investire sul territorio proviene da Massimo De Rosa.



FONTE : Massimo De Rosa