Contro corrente

Da qualche mese ho lasciato il gruppo del Movimento 5 Stelle di Lissone in dissenso con l’atteggiamento e condotta politica dall’attuale portavoce.
Purtroppo, con il passare del tempo, trovo che il mio abbandono sia stato più che opportuno.

Ne trovo ulteriore conferma sul “nuovo sito del m5s Lissone” nell’articolo “Consiglio comunale dei ragazzi di Lissone 2018 Fatti o parole?”

Estrapolo:

“progetto per la realizzazione di un campetto polifunzionale sportivo (pallavolo, pallacanestro e calcetto), individuando lo spazio presso un’area del giardino della scuola A. Moro.
Il progetto è stato presentato nel dettaglio dai ragazzi, anche con la proiezione di diapositive. Se venisse realizzato, sarebbe uno spazio usufruibile da tutti i bambini ed i ragazzi di Lissone.”

Quindi l’attuale M5S di Lissone ne sostiene la realizzazione…
Mi tocca leggere del solito antico atteggiamento, trito e ritrito, di come bisogna considerare uno spazio verde: un vuoto da riempire, da usare a tutti i costi.
Infatti sono sempre gli spazi verdi quelli che sono individuati per costruirci qualcosa. Qualsiasi cosa, basta riempire quel vuoto (apparentemente) inutile con qualcosa di utile (sempre?) all’essere umano. Oppure, come in questo caso, ipotizzare di sacrificare lo spazio verde per la legittima richiesta del diritto al gioco/attività sportiva.
Dopo che Lissone è stata cementificata all’inverosimile ormai diventa insostenibile ricoprire anche un fazzoletto di terra.
Quindi mi domando: Perchè si è scelto di cancellare del terreno libero all’interno della scuola e non si è pensato di ridimensionare il grande parcheggio di fronte alla scuola per realizzare il campetto polifunzionale sportivo?
Ooops, dimenticavo, i bambini vanno accompagnati a scuola in macchina (la mobilità sostenibile, questa sconosciuta).
Sarebbe stato bello stimolare i bambini ad una diversa visione della città, come il ridimensionamento degli spazi assoggettati all’uso e abuso dell’automobile, invece no, e il M5S di Lissone si adegua a questo vecchio modo di pensare, eravamo il futuro adesso siamo diventati il passato.

Infine leggo che il progetto nasce da:
“ispirandosi ad una parte dell’articolo 9 della “Carta dei Doveri” : Favorire la tutela delle risorse naturali, e il ripristino degli ambienti”.
Come si concilia la tutela delle risorse naturali con la costruzione di un campo polisportivo?
Cosa si intende per ripristino degli ambienti? La sostituzione di un ambiente naturale con uno artificiale?
Mah…

Federico Raiser



FONTE : Cittadini per Lissone – Storico M5s città Lissone