Continua il percorso per il Registro di Bigenitorialità
Continua il percorso per il Registro di Bigenitorialità

Continua il percorso per il Registro di Bigenitorialità

Continua il percorso per il Registro di Bigenitorialità




Si è concluso ieri l’iter in Commissione Politiche Sociali sull’argomento dell’istituzione del Registro di Bigenitorialità.
Sono state dedicate quattro sedute da parte della Commissione atte ad ascoltare il sottoscritto presentatore della proposta di Delibera, il Presidente del Centro Antiviolenza Bigenitoriale. Roberto Buffi, i Dirigenti Comunali del Servizio Attività Sociali, dei Servizi demografici ed Anagrafe, l’Azienda Sanitaria, l’associazione Alfid nonché con la Dirigente dei Servizi al cittadino del Comune di Verona e il Responsabile del Dipartimento della conoscenza della Provincia Autonoma di Trento.
Per quanto si è potuto verificare, seppur con alcune perplessità sui metodi di gestione del registro stesso da parte dei Servizi competenti, vi è stato un generale apprezzamento della proposta.
L’iniziativa viene letta come positiva ed il Registro sembra mostrare interesse da più parti per il significato stesso che vuole avere. Ovvero quello di affrontare l’argomento relativo alle difficoltà insite ai sistemi di informazione bilaterale enti-famiglia nei casi di separazione o divorzio finalmente in modo serio ed approfondito. Ci si rende conto che la sua istituzione sarebbe una presa di coscienza ufficiale da parte dell’ente pubblico dell’esistenza di tale problematica ad oggi non regolamentata ufficialmente e che, anche solo per questo, l’utilità stessa sarebbe davvero importante.
«Credo che la serietà con la quale la Commissione Politiche Sociali del Comune di Trento ha affrontato la questione, di per sè, già dimostri come l’argomento sia sentito e rispettato. Lo stesso Assessorato di Trento è attento e attivo a tale problematica.» afferma il Consigliere Andrea Maschio «Sarebbe davvero importante che tutti insieme, trasversalmente, abbracciassimo tale iniziativa. Per questo proporrò che la delibera stessa venga sottoscritta da tutti i gruppi indistintamente dai colori politici e che non sia l’iniziativa del singolo ma uno strumento della nostra città. Un piccolo tassello per migliorare ed adeguare l’ottimo sistema di politiche sociali in atto nel nostro capoluogo»

I consiglieri Comunali M5S Trento
Andrea Maschio

Paolo Negroni
Marco Santini



FONTE : MoVimento 5 Stelle Trentino