COMUNICATO UFFICIALE N.24 – Resoconto consiglio comunale del 18/01/2016
COMUNICATO UFFICIALE N.24 – Resoconto consiglio comunale del 18/01/2016

COMUNICATO UFFICIALE N.24 – Resoconto consiglio comunale del 18/01/2016

COMUNICATO UFFICIALE N.24
RESOCONTO CONSIGLIO COMUNALE DEL 18/01/2016

DI SEGUITO IL RESOCONTO DELL’ULTIMO CONSIGLIO COMUNALE DI TORRE PELLICE DELLA NOSTRA CAPOGRUPPO ROSANNA VECCHIETTI CHE, ONDE EVITARE LA COMPLETA ASSENZA DEL GRUPPO DI MINORANZA (Per i motivi spiegati nel precedente comunicato) HA DECISO DI ANNULLARE I PROPRI IMPEGNI LAVORATIVI E PARTECIPARE ALLA SEDUTA!

Punto 2 all’odg:


Tramite
una dichiarazione, ho posto l’attenzione del consiglio sulle difficoltà incontrate dai piccoli Comuni che spesso non hanno le disponibilità economiche per un segretario a tempo pieno.
Il Segretario comunale ha responsabilità importanti e spesso riveste ruoli fondamentali come quello di Responsabile della prevenzione alla corruzione.
Moltissimi comuni non sono in regola con le disposizioni di legge in tema di Trasparenza e Anti-corruzione e, ad es., la Relazione annuale che i Responsabili della prevenzione alla corruzione dovevano pubblicare entro il 15 gennaio sul sito web delle amministrazioni comunali in molti casi non rispettano quanto stabilito per legge: http://www.anticorruzione.it/portal/public/classic/AttivitaAutorita/Anticorruzione/PianoNazionaleAnticorruzione/_piani?id=90f790910a778042272c3c807c1dcd86
Stesso discorso vale per i siti web delle Amministrazioni che molto spesso hanno dati incompleti o non aggiornati rispetto a quanto stabilito dal “Decreto Trasparenza”, così come avevamo evidenziato con la nostra mozione del 24/06/2014 sulla “Trasparenza del sito web del Comune di Torre Pellice”: https://drive.google.com/file/d/0B5cgNtwEInUXTXcydTJSWnh4MEU/view
Con il nostro intervento sulle difficoltà certamente incontrate dai segretari comunali che, in realtà come la nostra, si trovano spesso a gestire più amministrazioni insieme, abbiamo cercato di porre all’attenzione del Sindaco e della Giunta l’importanza di iniziare a confrontarci, in quanto amministratori e magari in sede di Unione Montana, sulla possibilità di un comune unico che ci consenta di ottimizzare le risorse, preoccupandoci comunque di salvaguardare ciò che di peculiare e caratteristico c’è nelle piccole realtà montane e mantenendo ben salde le identità ed i servizi ai cittadini nei territori comunali originari.

Punto 4 all’odg:
“PRESA D’ATTO DEL DOCUMENTO UNICO DI PROGRAMMAZIONE 2016-2018 APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI G.C. N. 230 DEL 28/12/2015”


Il Dup (documento unico di programmazione) è un nuovo strumento di programmazione degli Enti locali attraverso cui si unificano le informazioni, le analisi e gli indirizzi di programmazione.
In pratica, gli obiettivi strategici definiti dalle linee del programma amministrativo (illustrato nella prima parte del DUP) sono tradotti in obiettivi operativi da realizzarsi nel triennio considerato (seconda parte del DUP). Dal DUP prende poi forma il bilancio preventivo che quest’anno dovrà essere approvato entro il 31 marzo.
Il DUP viene portato Consiglio per dare l’opportunità di proporre integrazioni e modifiche del documento stesso, ai fini della predisposizione della successiva nota di aggiornamento (entro il 28 febbraio).
E’ ciò che abbiamo fatto come MoVimento 5 Stelle con il nostro intervento.

Dopo aver evidenziato alcune criticità dovute alle modalità espositive e alla poco chiara definizione degli Obiettivi Operativi che sarebbe importante porre in relazione con le Missioni, le Linee Programmatiche e gli Obiettivi Strategici del documento, siamo passati ad elencare una serie di punti del programma che riteniamo siano stati trascurati o non sufficientemente descritti attraverso una chiara definizione degli obiettivi per il triennio 2016-2018.

– Il primo punto riguarda la Polizia Locale e Amministrativa. Abbiamo chiesto quale fosse il parere della maggioranza circa lo stato dei comportamenti illeciti dei cittadini a Torre Pellice e quali eventuali misure il Sindaco intendesse mettere in atto nel prossimo triennio. Ci ha lasciati decisamente insoddisfatti la risposta del Sindaco che ritiene che obiettivi su questo programma potrebbero essere posti solamente qualora avessimo un vigile in più a Torre Pellice.

Sono molteplici gli aspetti del programma amministrativo che non trovano riscontro negli obiettivi operativi del triennio considerato.
Penso ad esempio alle azioni volte ad agevolare ed incentivare il recupero dei vecchi fabbricati, anche al fine di rendere Torre Pellice più appetibile da un punto di vista turistico (Programma Difesa del suolo); alle iniziative per i giovani tese ad offrire occasioni di socialità e opportunità di formazione e di lavoro, vista la loro tendenza ad allontanarsi dai territori montani (Programma Giovani); alle iniziative tese alla valorizzazione dei percorsi storici o che vadano nella direzione di un turismo verde (Programma Sviluppo e valorizzazione del turismo); al “Fondo per l’emergenza abitativa” (Programma Interventi per il diritto alla casa); agli interventi per far fronte all’emergenza lavorativa e alle iniziative volte a promuovere la nascita di un centro per il lavoro giovanile (Programmi Sviluppo del mercato del lavoro, Formazione professionale, Sostegno all’occupazione).
Alcuni programmi certamente si scontrano con le disponibilità economiche, come evidenziato dal Sindaco, e altri potranno trovare delle opportunità attraverso i bandi Europei, come spiegato dall’assessore Borgarello con particolare riferimento ai progetti per i giovani.

Come sostenuto in sede di consiglio, ci sono però anche obiettivi che non hanno dei costi e che meriterebbero quindi di essere perseguiti, come quelli che riguardano il coinvolgimento dei cittadini per quel che riguarda le modalità di impiego dei beni relativi al Patrimonio Comunale o nella gestione dei beni comuni.
I Cittadini ancora potrebbero essere coinvolti su progetti condivisi e andrebbero puntualmente informati e consultati per quel che riguarda il Bilancio comunale. Potrebbero essere istituite, come già accade in molti comuni, delle Giornate della Trasparenza: http://www.valpellice5stelle.it/2015/12/comunicato-ufficiale-n17-trasparenza_8.html

Un ultimo aspetto del DUP che ci ha lasciati molto delusi riguarda il Programma Rifiuti.
Avremmo sperato in un atto di maggiore coraggio da parte della nostra Amministrazione. Non ci si pronuncia neanche più, come nel programma amministrativo, per il raggiungimento del 60% della RD, percentuale questa che non è neanche particolarmente ambiziosa. Si spera con molta rassegnazione e poca convinzione in una riduzione dei rifiuti e in un miglioramento della raccolta differenziata.
Come attivisti del M5S crediamo invece che il Comune di Torre Pellice si debba battere nelle sedi opportune per dare a noi cittadini, per la nostra salute ed il rispetto dell’ambiente in cui viviamo, delle prospettive migliori nei termini di una migliore raccolta e smaltimento dei nostri rifiuti, oltre che un miglioramento dello stesso servizio.

Stesso discorso vale per il Progetto Qualità dell’aria e riduzione dell’inquinamento, che è fra gli aspetti non considerati dal programma e per il quale varrebbe invece la pena di considerare almeno un monitoraggio della qualità dell’aria, visto che ci troviamo in un territorio in cui si fa ancora un ampio uso dei caminetti per il riscaldamento delle case e anche delle automobili da quando il treno è stato “sospeso”…
Sempre sul tema inquinamento abbiamo sollecitato l’amministrazione, e abbiamo anche depositato una mozione, perché si colga l’occasione offerta dalla Regione attraverso un bando per l’attribuzione di contributi ai Comuni per il servizio di raccolta, trasporto e smaltimento di rifiuti contenenti amianto:
http://www.regione.piemonte.it/bandipiemonte/appl/dettaglio_bando_front.php?id_bando=474

Un ultimo aspetto, sul quale siamo fiduciosi, riguarda invece la possibilità di discutere in una commissione specifica il tema dell’illuminazione pubblica (Programma Viabilità e infrastrutture stradali) con l’obiettivo di riuscire ad orientarci verso una conversione progressiva dell’illuminazione pubblica in un’illuminazione a basso consumo e minor impatto ambientale.

Punto 6 all’odg:
“MOZIONE DEL MOVIMENTO 5 STELLE VALPELLICE: ADOZIONE DEL PATTO CON IL CITTADINO (BARATTO AMMINISTRATIVO)”

La legge prevede oggi che i Comuni possano definire criteri e condizioni per realizzare interventi su progetti presentati dai cittadini, deliberando riduzioni o esenzioni da tributi. Con questa norma si introduce il concetto di baratto amministrativo, cioè la possibilità per i cittadini di barattare alcune tasse mettendosi a disposizione del proprio comune. In altre parole, le tasse dovute verrebbero trasformate in ore da dedicare ad attività in favore della comunità, come ad es. lavori di manutenzione ordinaria, pulizia e vigilanza dei parchi, di giardini ed aiuole, dei luoghi pubblici, assistenza alle scolaresche, sgombero neve ecc.
Tali pratiche possono essere di grande utilità sia per l’Ente, sia per aumentare il senso di comunità e di appartenenza nella cittadinanza. La fattiva collaborazione tra Amministrazione e cittadini rappresenterebbe anche uno stimolo a diffondere un maggiore senso civico, fornendo esempio di vicinanza delle Istituzioni alle problematiche quotidiane degli abitanti del territorio.
Con la nostra mozione abbiamo chiesto al Sindaco di istituire una commissione per confrontarsi su un regolamento che ci consenta di istituire il Baratto Amministrativo nel Comune di Torre Pellice.
Apprezziamo molto la volontà espressa dalla maggioranza dei consiglieri e assessori presenti al consiglio che, votando a favore, hanno accolto la nostra proposta (solo gli assessori Allisio e Rossi si sono astenute). Malgrado le difficoltà illustrate dal Sindaco per l’attuazione di questo programma siamo fiduciosi che, attraverso un attento esame dell’esperienza già affrontata in altri comuni, si possa anche noi riuscire a raggiungere questo obiettivo.

Punto 7 all’odg:
“MODIFICA AL REGOLAMENTO DELLA CIVICA GALLERIA D’ARTE CONTEMPORANEA FILIPPO SCROPPO”

Un punto questo all’odg aggiunto troppo frettolosamente e soprattutto in assenza di un adeguato confronto.

Come abbiamo evidenziato in una nota rivolta al Sindaco e al Segretario Comunale, questo punto è stato inserito ad integrazione di un odg già fissato per il consiglio di lunedì 18, non rispettando quelli che sarebbero dovuti essere i tempi stabiliti dal Regolamento Comunale.

L’Assessore Allisio ha illustrato le ragioni che l’hanno spinta a chiedere tale modifica, spiegando che un Comitato Direttivo composto da esperti del settore sarebbe stato certamente più al’ altezza del proprio ruolo rispetto alle figure politiche previste nel passato regolamento.
Sebbene vi sia una ragione condivisibile in questo ragionamento, continua a non essere chiaro come mai nella modifica del regolamento – che inizialmente prevedeva sei membri composti dal Sindaco di Torre Pellice (o assessore delegato), dal Presidente della Comunità Montana (o suo delegato), da un membro nominato dalla Commissione Cultura su proposta del Presidente, da tre membri nominati dal Consiglio Comunale su proposta dell’Assessore alla Cultura – ora compaiano solo cinque membri tutti nominati dalla Giunta su proposta dell’Assessore.
Praticamente Consiglieri e Associazioni ora non avranno più voce in capitolo rispetto a quella che sarà la composizione del Comitato Direttivo. Avremmo potuto decidere di destinare questo ruolo a figure provenienti dal mondo dell’arte, ma dando comunque la possibilità anche a Consiglieri ed Associazioni di poterle scegliere.
Non ultimo il ruolo del Presidente della Comunità Montana, attuale Unione Montana, che avrei inserito fra le figure che avrebbero concorso alla definizione della composizione del Comitato Direttivo, considerato anche che, nelle intenzioni originarie del regolamento, si era probabilmente stabilito che una risorsa come la Galleria Scroppo dovesse rappresentare non soltanto Torre Pellice, ma anche tutto il territorio della Val Pellice.
Siamo convinti che, con una buona condivisione delle scelte e degli obiettivi in Commissione Cultura, si sarebbe senza dubbio arrivati ad un accordo sulle professionalità migliori. Immaginiamo che anche il Presidente dell’Unione Montana Pinerolese avrebbe preso parte volentieri a questi momenti di condivisione.
Recentemente ci sono stati ben due incontri di Commissione “Turismo, Tempo Libero, Cultura e Sport” a Torre Pellice, ma in nessuno di questi si è inserita la programmazione e la scelta dei membri del Comitato Direttivo della Scroppo nell’ordine del giorno.
Non possiamo fare a meno di ribadire l’inappropriatezza di una modifica del regolamento in tal senso, ritenendo che con una buona e sempre più auspicabile condivisione delle scelte e degli obiettivi in Commissione Cultura, si possa arrivare ad un accordo sulle professionalità migliori da coinvolgere nella Direzione Artistica.
Riconosciuti alcuni aspetti problematici del regolamento dalla stessa Giunta nel corso del consiglio ci auguriamo che si possa provvedere al più presto al completo rinnovo dello stesso che consideri anche le criticità da noi presentate.

MoVimento 5 Stelle Valpellice



FONTE : Movimento 5 Stelle Valpellice