CERMEC, confusa la posizione di Volpi



“Per quanto riguarda la posizione dell’amministrazione di Massa in riferimento al destino di Cermec, chiediamo ci sia maggior chiarezza e meno mistificazione riguardo alla presa di posizione del sindaco Volpi” dice la consigliera Mencarelli. “Secondo la dichiarazione di Bellè (Uil) a La Nazione, avrebbe espresso la volontà di “non entrare in Reti Ambiente, ma “facciamo presente che Massa è uno dei 38 comuni che hanno recentemente votato a favore (vedi verbali di riferimento) del documento di indirizzo politico per confermare la scelta di aprire all’ingresso del socio privato nella società di gestione dei rifiuti dell’area nord della Toscana e per procedere il più velocemente possibile al conferimento delle aziende locali in Reti Ambiente spa, al massimo entro il 30 giugno 2017. I contrari a questa deliberazione risultano i comuni di Livorno, Pietrasanta, Cascina, Zeri, Bagni di Lucca e Gallicano”.

L’unico ostacolo al conferimento del Cermec nell’immediato è l’esistenza del regime di Concordato preventivo a cui è stato sottoposto questo impianto e che scadrà nel 2019. I vertici di Cermec a settembre 2016 erano già al corrente che il destino di questo impianto all’interno della società mista sarebbe stato quello di dover gestire solo il trattamento meccanico biologico, con tutte le problematiche conseguenti.

La Mencarelli chiude “Nessuna voce si è alzata e allora ci chiediamo se le posizioni volitive del sindaco Volpi siano state enunciate esclusivamente in odore di campagna elettorale, altrimenti dovrebbe spiegare a tutti, operai, cittadini e sindacati, anche se per quest’ultimi risulta difficile credere che non siano al corrente dei verbali decisori, ma anche all’assemblea dell’Autorità per il servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani – Ato Toscana Nord, quale sia la sua vera posizione, perché evidentemente non è chiara a nessuno, forse neppure a lui”.





FONTE : Massa5Stelle

LINK: https://massa5stelle.wordpress.com/2017/06/21/cermec-confusa-la-posizione-di-volpi/

Tutti i diritti sono degli autori indicati alla fonte