Cancelleri: “Dentro l’ultima finanziaria una bomba per i conti regionali. Da disinnescare subito”.

Dona oggi, e rimani informato anche domani. Con Paypal: https://www.paypal.me/sel5stelle

Il deputato: “È una norma che riguarda i trattamenti di fine rapporto e di fine servizio dei dipendenti regionali: potrebbe costare 120 milioni per pagamenti immediati a 2000 persone, cosa che rischierebbe di squassare il bilancio. Se non viene impugnata da Roma, facciamo noi una leggina ad hoc”.

“Dentro l’ultima finanziaria approvata dall’Ars è nascosta una bomba che potrebbe aprire una voragine nei conti regionali. Se non viene impugnata da Roma, va disinnescata subito con una legge ad hoc”.
A lanciare l’allarme è il deputato del M5S Giancarlo Cancelleri, che mette in guardia sui pericoli derivanti da una norma approvata nell’ultima finanziaria regionale che potrebbe costare anche 120 milioni di euro al già precario bilancio regionale.
A fare da detonatore per i conti di Mamma Regione potrebbe essere il comma 4 dell’articolo 22 della legge di stabilità varata il 30 aprile scorso a sala d’Ercole che prevede l’erogazione ai dipendenti regionali dei trattamenti di fine servizio e fine rapporto al momento della loro collocazione in prepensionamento. Tutto ciò in contrasto a quanto in vigore fino a poco tempo fa, quando i dipendenti regionali che accedevano al trattamento pensionistico anticipato dovevano aspettare anche anni per intascare gli assegni di Tfr e Tfs e comunque fino alla data in cui per loro sarebbero maturati i requisiti per accedere alla pensione non anticipata.

Il comma incriminato, che modifica il comma 8 della legge regionale numero 9 del 7 maggio 2015, stabilisce infatti che “il trattamento di fine servizio o fine rapporto dei dipendenti collocati in quiescenza… è corrisposto con le modalità e i tempi previsti dal comma 484 e 485 dell’articolo 1 della legge 27 dicembre 2013 n 147”.
In soldoni i due commi prevedono la corresponsione del trattamento in massimo tre importi annuali e la liquidazione dello stesso entro 24 mesi dalla cessazione del rapporto di lavoro e non alla maturazione dei requisiti pensionistici.

Dona oggi, e rimani informato anche domani. Con Paypal: https://www.paypal.me/sel5stelle

Secondo alcune stime a battere cassa a strettissimo giro di posta alla Regione, secondo quanto previsto dalla nuova norma, potrebbe essere una platea d circa 2000 persone, per un importo complessivo da erogare di quasi 120 milioni di euro: una catastrofe.

“Una norma del genere – afferma Cancelleri – è inaccettabile, soprattutto perché non è stata accompagnata da una precisa relazione tecnica che quantificasse le ricadute sul conti della Regione, che potrebbero essere letteralmente devastati dagli esborsi. Ogni intervento sulla materia finanziaria – continua il deputato – dovrebbe essere apportato secondo una precisa visione di sistema e non in modo episodico, come ha sottolineato anche la Corte dei conti, che ha invocato particolari approfondimenti in relazione alle leggi in materia pensionistica circa la portata reale dei loro effetti finanziari”.

E non finisce qui. La norma avrà pure un valore retroattivo, visto che il ricalcolo, secondo quanto statuito dal successivo comma 5, sempre dell’articolo 22, è previsto per una platea indefinita di soggetti posti in quiescenza tra l’entrata in vigore della legge regionale 9 del 2015 e la numero 3 del 2016.

“A pensare male si fa peccato , ma spesso ci si azzecca”, commenta Cancelleri rifacendosi ad una celebre affermazione di Pio XI, rilanciata da Andreotti. “Sarò malpensante, ma questo comma 5 sembra cucito addosso a qualcuno in particolare” .

Ad essere devastato dalla norma potrebbe non essere solo il bilancio regionale. Secondo alcune voci l’anticipazione delle somme potrebbe essere fatta attingendo al fondo pensionistico regionale.

“Una ipotesi folle – afferma Cancelleri – oltre che illegittima. Altre volte in passato sono state ipotizzate manovre a carico del fondo, che, evidentemente, qualcuno continua a considerare una sorta di bancomat da cui attingere. Se lo tolgano dalla testa”.

Intanto Cancelleri annuncia il deposito a breve di una leggina per abrogare la norma incriminata. “Se non sarà impugnata da Roma, visto che ci sono tutte le premesse – afferma il deputato –  depositeremo una norma apposita e cercheremo di farla arrivare al più presto in aula”.


L’intervento di Cancelleri su Facebook
 
https://www.facebook.com/giancarlocanc/videos/1758398544275509/




FONTE : sicilia5stelle

Dona oggi, e rimani informato anche domani. Con Paypal: https://www.paypal.me/sel5stelle