Canapa, ecco la nostra proposta di legge
Canapa, ecco la nostra proposta di legge

Canapa, ecco la nostra proposta di legge

Il MoVimento 5 Stelle ha presentato un disegno di legge a costo zero, che promuove la coltivazione della pianta “tutto fare”. Obiettivo: realizzare una filiera della canapa industriale anche in Molise. Presto, incontro con cittadini, associazioni ed esperti

Come promesso, prosegue il percorso alla scoperta della canapa. Un viaggio cominciato sul nostro blog con la storia di una pianta che per secoli ha aiutato l’uomo in tanti campi. La seconda tappa di questo itinerario serve per conoscere le sue proprietà, ma soprattutto la nostra proposta di legge in materia. Cominciamo.

La fibra naturale lunga delle canapa è ottima per ricavare cordami, vestiti, scarpe, tappeti, tendaggi. Quella corta serve in bioedilizia per pannelli isolanti e fonoassorbenti, imbottiture per auto o intonaci.
Canapa come cibo. I suoi semi sono altamente proteici, contengono aminoacidi essenziali e l’olio che se ne ricava è ricco di sostanze indispensabili per il sistema immunitario. Lo stesso olio di semi è utilizzabile come ottimo solvente naturale (e non inquinante) per vernici.

Alla pianta è anche riconosciuto valore terapeutico per malattie come asma, artriti e artrosi, glaucoma, tumori, epilessia, nausea, reumatismi, sclerosi multipla e, come antibiotico, contro dolori articolari e spasmi muscolari; pulisce i polmoni, riduce la pressione e funge da antidepressivo.
La canapa è considerata la miglior fonte vegetale di biomassa per produrre energia: potrebbe sostituire il petrolio e i suoi derivati a costi concorrenziali e con un impatto ambientale inferiore. Le sue proprietà, poi, sono importanti anche nel processo di fitorisanamento con cui la pianta, tramite radici, estrae dal terreno componenti organici o inquinanti come metalli pesanti. Ora, infine, è in ascesa la richiesta dei suoi derivati per uso cosmetico e dietetico-alimentare.

Una coltura per fortuna adattabile anche ai terreni molisani in diverse condizioni climatiche. Ecco perché è ora di sfruttare le sue caratteristiche senza pregiudizi. Anche il Molise deve slegare il suo sistema economico e industriale dalle sostanze di origine fossile.

La proposta di legge del Movimento 5 Stelle non comporta oneri a carico del bilancio della Regione, promuove la sola coltura della canapa per uso industriale, detta sativa, ammessa dall’Unione Europea, quindi esclude qualsiasi attività di produzione o estrazione di sostanze stupefacenti.

La proposta prevede
attività di sementiera (da condurre insieme all’Agenzia regionale per lo Sviluppo agricolo, rurale e della pesca);
reperimento del seme o del materiale di propagazione;
meccanizzazione delle fasi di coltivazione, raccolta, movimentazione e stoccaggio;
impianti di lavorazione e trasformazione;
coltivazione per la fitodepurazione di siti inquinati;
recupero delle terre incolte;
ricerche e studi di fattibilità per gli utilizzi industriali delle materie prime compresi gli studi di mercato.

La proposta M5S prevede contributi regionali per i soggetti aggregati in filiera e per interventi che prevedano la collaborazione con dipartimenti universitari o altri centri di ricerca specializzati. Entro il 31 dicembre di ogni anno, l’assessorato alle Politiche agricole, sentita l’Arsarp, relazionerà alla Commissione consiliare competente sull’andamento delle richieste ricevute, sui risultati raggiunti e su eventuali problemi.

Ce n’è abbastanza per capire che la canapa può aiutare a combattere la crisi in modo naturale. Per scoprire tutti i suoi segreti, presto il Movimento 5 Stelle Molise organizzerà un incontro aperto a tutti con agricoltori, associazioni, appassionati ed esperti. Prima, però, la nostra Patrizia Manzo ci spiega l’importanza della nostra proposta di legge.



FONTE : MoVimento 5 Stelle Molise