BENESSERE QUOTIDIANO E SICUREZZA: INTERVENTO DI PAOLA GIANNETAKIS

BENESSERE QUOTIDIANO E SICUREZZA
Intervento di Paola Giannetakis, Candidata uninominale del MoVimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati nel Collegio di #Perugia, docente universitaria, professoressa straordinaria Università degli Studi Link Campus University, analista comportamentale e criminologa, esperta in scienze e tecnologie applicate all’intelligence e alla sicurezza.

Intervento a cura di Paola Giannetakis, docente universitario, professore straordinario Università degli Studi Link Campus University, analista comportamentale e criminologo, esperto in scienze e tecnologie applicate all’intelligence e alla sicurezza. Candidata uninominale del MoVimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati nel Collegio di Perugia.

Ho dedicato buona parte del mio percorso di studi e professionale a cercare di comprendere e spiegare fenomeni e dinamiche umane di natura complessa con l’obiettivo di poter offrire strumenti utili a chi di quei fenomeni si deve occupare. Ho accolto l’invito a candidarmi alla Camera dei Deputati, nel collegio di Perugia, per il MoVimento 5 Stelle, pur non avendo fatto mai politica, scelta motivata dal profondo senso di responsabilità e dalla convinzione che il mio impegno quale rappresentante della società civile è quello di trasferire conoscenze, esperienze e sensibilità in modo ancora più esteso negli interessi della collettività.

Sicurezza partecipata, tecnologie e sistemi intelligenti. La risposta alla minaccia multidimensionale.

Le sfide multidimensionali alla nostra sicurezza impongono la ricerca e l’applicazione di nuovi strumenti in grado di rispondere prontamente ed incisivamente alle emergenti minacce ed all’evoluzione dei fenomeni criminosi, dalla criminalità predatoria alle varie forme di violenza fino ad arrivare al rischio terrorismo nelle sue varie metamorfosi.
L’uso intelligente dei sistemi intelligenti, ad esempio, prevede l’impiego di tecnologie sempre più all’avanguardia congiuntamente all’ implementazione di forme di analisi cognitivo-comportamentale a supporto. Pensiamo in generale alle videocamere in grado di raccogliere ed analizzare una quantità sempre maggiore di dati dal riconoscimento automatico di volti alla biometria comportamentale, a vari tipi di sensori opportunamente integrati che generano nella loro interezza, una sorta di enorme rete neurale, un volume di dati a disposizione degli analisti delle Forze di Polizia e degli organi di Intelligence.

Accanto all’ utilizzo di alta tecnologia si rende necessaria anche una progressiva umanizzazione degli spazi, nella prospettiva di realizzare smart-city intese da una parte come spazio sicuro ed interconnesso ai servizi di pubblica utilità ma dall’altro come aree sicure e libere dove vivere lontani dalla sindrome della paura, contesti salubri bilanciati tra sicurezza e tutela della privacy.

Il benessere quotidiano, infatti, si realizza anche attraverso un benessere sociale profondo, caratterizzato da apertura e fiducia, sostenuto dal senso di sicurezza vissuta e percepita, dove le nostre città sono vissute come bene collettivo, aperte alle diversificate esigenze dei singoli cittadini e delle comunità, dove anziani, bambini, cittadini con disabilità ed i nostri amici animali possono vivere in adeguati ecosistemi. In questa prospettiva il cittadino diventa elemento proattivo nel sistema di protezione del bene comune senza dover giungere a forme estreme di difesa personale nè sentirsi oppresso e vivere nella paura.

L’accrescimento di una consapevolezza e di una condivisione tout court contribuisce alla realizzazione del modello di sicurezza partecipata. Per formare questa cultura è necessario coinvolgere in particolar modo gli ambiti di formazione e crescita partendo dalla scuola fino all’Accademia, somministrando ai vari livelli e con l’appropriato linguaggio la giusta e necessaria informazione. Tali modelli, in parte già realizzati in altri Paesi che ho avuto la fortuna di visitare, sono facilmente realizzabili attraverso l’impegno e lo sforzo profuso da tutti.

Uno degli obiettivi del mio impegno con il MoVimento 5 Stelle è quello di contribuire a migliorare la sicurezza collettiva anche attraverso la progettazione di forme integrate tra nuove tecnologie e conoscenza dei comportamenti umani a supporto delle attività svolte dalle Forze di Polizia e degli organi di sicurezza.”

http://www.ilblogdellestelle.it/m/2018/02/il_benessere_quotidiano_passa_anche_attraverso_la_sicurezza.html

 

L’articolo BENESSERE QUOTIDIANO E SICUREZZA: INTERVENTO DI PAOLA GIANNETAKIS sembra essere il primo su Tiziana Ciprini.



Tutti i diritti sono degli autori indicati alla fonte: Tiziana Ciprini : http://www.tizianaciprini.it/benessere-quotidiano-sicurezza-intervento-paola-giannetakis/