AUTOSTRADE: L’EX CAPO DEL FISCO, PRIMA FAVORI E POI AL SOLDO DEI BENETTON

Abbiamo scoperto da un articolo de #IlFattoQuotidiano che Autostrade per l’Italia, nel 2012, ha ricevuto un avviso dalla Guardia di Finanza per estero vestizione.

In pratica la società #Sintonia della famiglia Benetton, che aveva sede in #Lussemburgo, era una estero vestizione, ovvero un’azienda che di fatto stava in #Italia, ma che in realtà era una società di comodo creata per minimizzare le tasse sugli utili prodotti in Italia attraverso i pedaggi autostradali.

L’Agenzia delle Entrate, sulla base delle osservazioni ed evidenze presentate dalla Guardia di Finanza fece partire un accertamento, che si è poi concluso con un percorso di chiusura amichevole, a seguito della quale la famiglia Benetton ha versato appena 12 milioni di euro al fisco e rimpatriato la società Sintonia dal Lussemburgo, per evitare ulteriori indagini sulla holding stessa.

E chi era all’epoca il dirigente dell’Agenzia delle Entrate? Attilio #Befera che, scrive il Fatto Quotidiano, dopo essersi dimesso dall’incarico è diventato uno dei dirigenti più alti in grado di Atlantia, holding del gruppo Benetton da cui dipende Autostrade per l’Italia.

Dubbio credere alle coincidenze.

https://www.ilblogdellestelle.it/m/2018/08/attilio_befera_prima_indaga_sui_benetton_per_faccende_tributarie_poi_diventa_un_loro_manager.html

 

L’articolo AUTOSTRADE: L’EX CAPO DEL FISCO, PRIMA FAVORI E POI AL SOLDO DEI BENETTON sembra essere il primo su Tiziana Ciprini.



FONTE : Tiziana Ciprini