ALLA SCOPERTA DEL LEGGENDARIO MAUSOLEO DEL RE ETRUSCO PORSENNA A CHIUSI

Alla scoperta del leggendario mausoleo del re etrusco Porsenna a #Chiusi

#BeniCulturali petrolio d’Italia
?Obiettivo: Turismo prima industria del Paese!

Il ministero dei Beni culturali assuma iniziative – anche tramite una verifica archeologica, con la descrizione dell’area interessata di Chiusi e di quella circostante — per avviare una ricerca, accertare la presenza del mausoleo di Porsenna, e portare alla luce lo stesso ovvero le sue vestigia, anche per recuperare eventuali testimonianze dell’antica storia italiana e arricchire il numero dei siti archeologi del nostro Paese. E’ quanto chiede la deputata Tiziana Ciprini (M5S) in un’interrogazione indirizzata al Mibact. Il mausoleo di Porsenna è un edificio che fu descritto da Marco Terenzio Varrone e sarebbe stato costruito per raccogliere il corpo del leggendario lucumone Porsenna, sovrano della città di Chiusi. Plinio il Vecchio nella sua Naturalis Historia fa una descrizione molto dettagliata del mausoleo nel libro trentaseiesimo; secondo una ipotesi costruttiva, il mausoleo, in base all’espressione riferita da Plinio il Vecchio, potrebbe essere collocato “dinnanzi a Chiusi”, ovvero in zone circostanti, quali la zona del parco di Montelungo di Chiusi.

Siccome Plinio il Vecchio e Varrone collocarono il mausoleo al di sotto dell’abitato di Chiusi – spiega la deputata pentastellata – un intreccio di cunicoli, recentemente scoperti e attualmente visitabili, simili ai “bottini di Siena”, che conducono alle cisterne di raccolta dell’acqua piovana posizionate sotto la città di Chiusi, è stato erroneamente chiamato labirinto di Porsenna, come se fosse stato il labirinto del suo mausoleo. Il ritrovamento del suddetto manufatto, conclude, potrebbe rivestire carattere di straordinario interesse archeologico

Chiusi, Ciprini (M5S): Mibact intraprenda ricerche sul presunto mausoleo di Porsenna

L’articolo ALLA SCOPERTA DEL LEGGENDARIO MAUSOLEO DEL RE ETRUSCO PORSENNA A CHIUSI sembra essere il primo su Tiziana Ciprini.



FONTE : Tiziana Ciprini