Agricoltura: M5S, verso sottocommissione all’Ars su rischi uso pesticidi

Contenimento dei rischi in agricoltura connessi all’uso di pesticidi, diserbanti e sostanze affini, attività di prevenzione e campagne informative rivolte ai cittadini, agricoltori e enti locali. E’ l’obiettivo della commissione Attività produttive dell’Ars, che intende promuovere l’istituzione di una sottocommissione parlamentare ad hoc coinvolgendo i componenti delle commissioni Sanità e Ambiente di Palazzo dei Normanni, col compito di redigere proposte di legge e input sul tema a ciascun ramo dell’amministrazione regionale, agli enti locali e società pubbliche. A renderlo noto è il M5S. La proposta, che è stata avanzata nel corso della seduta odierna della terza commissione, dovrà ricevere l’ok delle altre due commissioni parlamentari coinvolte. “Questa audizione è stata chiesta su imput degli apicoltori siciliani e dell’associazione degli agricoltori biologici, allarmati dall’aumento della moria di api. La Sicilia è la terza Regione italiana produttrice di miele. ‘L’epidemia’ ha ripercussioni anche economiche oltre che ambientali – dice la vicepresidente della commissione Attività produttive dell’Ars Angela Foti – . A questo si aggiunga che l’attuale Piano di azione nazionale (PAN) sui pesticidi fornisce indicazioni agli enti locali e annovera restrizioni sull’uso di questi prodotti, potenzialmente nocivi per l’uomo, nelle aree urbane e in spazi pubblici. L’istituzione della sottocommissione dovrebbe portare alla formulazione di alcune proposte di legge, come ad esempio quella sulle azioni a difesa della salute, delle acque superficiali del suolo e dell’agricoltura siciliana, partendo dalle informazioni che sta raccogliendo l’assessorato regionale alla Salute, che ha avviato un’indagine sui residui dei fitofarmaci utilizzati in agricoltura in Sicilia, o ad esempio implementando le attività della bio-fabbrica dell’Esa, nella quale vengono allevati insetti antagonisti per determinate specie di parassiti”. “Il M5S – aggiunge la vicepresidente della commissione Ambiente dell’Ars Valentina Palmeri, prima firmataria di un ddl sulle azioni da mettere in campo a difesa della salute, delle acque superficiali e sotterranee, del suolo e dell’agricoltura in Sicilia – già da tempo lavora in questa direzione, ossia bandire l’utilizzo di trattamenti antiparassitari tossici per la salute umana, animale e per l’ecosistema, sia in ambito ambientale che agricolo. Io stessa ho già presentato una proposta di legge in materia, che mira a raggiungere l’ambizioso obiettivo entro il 2025. Più volte il M5S ha acceso i riflettori anche sulla necessità di convertire il modello di produzione agricolo in Sicilia. Infatti non è più rinviabile una vera e propria riforma agricola e un piano rurale siciliano che renda conveniente puntare sul biologico, incentivando gli agricoltori a scegliere questo metodo di produzione e abbandonare il sistema tradizionale che contempla l’uso di pesticidi e sostanze nocive”. “Solo così – conclude – possiamo preservare la biodiversità e la qualità del cibo ed arginare la concorrenza sleale di produttori esteri. A questo scopo sto lavorando ad un testo unico sull’agricoltura che sarà depositato a breve”.




FONTE : sicilia5stelle

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi