#5giornia5stelle 79° puntata, 20 maggio 2016
#5giornia5stelle 79° puntata, 20 maggio 2016

#5giornia5stelle 79° puntata, 20 maggio 2016

Il M5S continua sulla strada della coerenza con i propri principi, e a Roma ha presentato questa settimana la sua Carta dell’Onestà. Si tratta di 10 proposte di legge, alcune delle quali già approvate alla Camera, che prevedono alcune misure per arginare seriamente il problema della corruzione: dalla Daspo per corrotti e corruttori, politici e imprese, all’agente provocatore. Ce ne parlano Michele Dell’Orco, Vittorio Ferraresi e Alfonso Bonafede. Le proposte contro la corruzione devono essere approvate subito, il Paese non può più aspettare.

Non può aspettare, però, neppure una riforma del sistema bancario. I cittadini truffati dalle banche, e quelli spaventati dal bail in, lo chiedono a gran voce. Il M5S ha presentato questa settimana anche la sua riforma di Bankitalia, che prevede: nazionalizzazione della banca, divisione tra banche d’affari e banche commerciali, creazione di una banca pubblica di investimenti. Ci vuole, come spiegano Di Battista, Ruocco e Villarosa, un sistema che finalmente tuteli il risparmio ed eroghi i prestiti: è ora di dire basta al fregare i cittadini.

In aula, Francesco D’Uva torna sull’argomento università e ricerca. Quando il Parlamento vota a favore di fondi, quei fondi poi devono arrivare davvero, e finora non se ne è vista traccia. Inoltre, respingiamo l’idea di Renzi che debbano esistere Università di serie A e di serie B a imitazione americana: noi crediamo che tutti gli atenei debbano essere messi in condizione di produrre eccellenza, e pensiamo specialmente al meridione.

Da Bruxelles, Laura Ferrara invita tutti gli iscritti a Rousseau a partecipare alla redazione del report dei portavoce europei, riguardante le strategie contro le infiltrazioni mafiose nelle imprese e l’uso dei whistleblowers. Aiutateci a migliorarlo!

In aula al Senato Paola Nugnes interviene sul Sistema Nazionale Agenzie Ambientali, una legge importantissima bloccata per mesi dal governo e poi approvata modificandola nei suoi punti essenziali. La nostra conclusione? Il governo non ha alcuna intenzione di investire in maggiori controlli, perché l’ambiente è l’ultimo dei suoi pensieri.

Di nuovo a Bruxelles, dove i nostri portavoce hanno partecipato ad un esperimento dai risultati sbalorditivi. 49 deputati di 13 Paesi diversi hanno effettuato un test delle urine per scoprire la contaminazione da glifosato, ebbene: sono risultati tutti contaminati! Anche i nostri Dario Tamburrano e Marco Zullo, ed Eleonora Evi addirittura con una concentrazione 20 volte superiore al limite di legge. Il M5S ha chiesto il blocco dell’uso del glifosato in agricoltura, è un agente cancerogeno e pericoloso per la salute, ma l’Europa sembra abbia intenzione di rinnovare l’autorizzazione per altri 7 anni. Noi diciamo no!

A Roma, infine, Luigi Di Maio presenta alla stampa i candidati sindaci del M5S, insieme ai candidati delle 6 maggiori città. Nei Comuni amministrati dal M5S, ricorda Luigi, il debito è stato ridotto, abolita Equitalia, avviato il reddito cittadinanza: il MoVimento ha le mani liberee per questo può fare davvero tutto ciò che è necessario per le nostre città, e che i cittadini chiedono.



FONTE : Bergamo 5 Stelle